Sabato 24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 11:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Messico. Un cambio d'epoca?
Il nuovo governo e il Pri, il Partido Revolucionario Institucional che ha riconquistato la presidenza dopo 12 anni, cercano di restaurare il riflesso condizionato della sua epoca d'oro e di creare l'illusione che Peña Nieto aprirà una nuova fase nazionale. Incoraggeranno perfino le critiche ai due precedenti governi del Pan, il Partido de Acción Nacional, e diranno che i suoi 12 anni al potere sono stati un'epoca nera da lasciarsi alle spalle come un brutto sogno.
Sebbene il progetto di Peña Nieto non sia ancora chiaro, la scelta dei personaggi del primo circolo del potere ci rivela una formazione di conservatori (vari di loro in posizioni chiave sono vincolati all'ex-presidente Carlos Salinas). Si parla di firmare un patto nazionale che comporta 70 riforme, ma senza che ne siano stati resi noti i contenuti. Non sarà difficile tradire qualunque promessa con rinvii. Come segnala Guillermo Knochenhauer, Calderón lascia il governo in condizioni tali che a Peña Nieto non sarà difficile migliorare qualsiasi politica. Per di più conterà su una schiera ben disciplinata di media elettronici e di giornali che copriranno tutti gli insuccessi e magnificheranno ogni sua riuscita.
Peña e/o i suoi padrini e collaboratori potranno chiudere il ciclo che si aprì con Miguel de la Madrid nel 1985 (quando il Messico aderì al neoliberismo reagan-thatcheriano) e che mostra di essere definitivamente esaurito? Non credo. I governi del Pri e del Pan dal 1989 ad oggi hanno mantenuto una solida alleanza con divergenze occasionali. Tutti questi governi hanno imposto al paese la dottrina neoliberista, anche se si optò per una linea molto più conservatrice: appoggiarsi ai grandi monopoli concedendo loro in cambio potere e risorse. Per esempio: nella sostanza non ci sono differenze fra l'apertura al capitale straniero fatta da Zedillo e quella di Fox. Non dimentichiamoci che il Pan aiutò a legittimare l'elezione fraudolenta di Salinas e questi corrispose con numerosi privilegi. Come diceva Fox: il Pri ha cogovernato con il Pan. È vero, e hanno anche colegiferato. Priisti e panisti hanno appoggiato la demolizione dello Stato sociale e la cancellazione delle politiche popolari. Per di più si sono garantiti reciprocamente l'impunità. Nessun pesce grosso panista o priista ha pagato per le sue malefatte. Entrambi i partiti sono stati d'accordo nell'imporre frodi elettorali per impedire l'alternanza a sinistra nel 2006 e nel 2012.
La staffetta fra due partiti con proposte reazionarie non significherà un cambiamento nelle politiche economiche, né un nuovo impulso alla democratizzazione. Se gli stessi uomini continueranno ad applicare le stesse ricette non c'è che da aspettarsi gli stessi risultati. Ci sarà una grande offensiva di propaganda e di marketing politico, ma la crescita rimarrà debole. Si concentrerà nei grandi conglomerati. Aumenteranno inevitabilmente corruzione, disoccupazione e disuguaglianza. Ma non facciamoci illusioni, il modello è esaurito e la sua sostituzione non dipenderà da un nuovo governo macchiato di illegittimità ma dall'impulso popolare. Un cambio di epoca si produrrà quando una parte sostanziale della popolazione si organizzerà politicamente per partecipare e lo farà con disciplina ed entusiasmo.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi