Martedì 20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 18:51
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
#cambiaresipuò: Indicazioni organizzative per le assemblee del 14 - 15 - 16 dicembre
Carissime/i,

essendo un cantiere procediamo mettendo un mattone alla volta. Qualche volta accumuliamo un po’ di ritardo ma l’importante è raggiungere soluzioni adeguate. A questo punto ci pare, in vista delle assemblee del 14-15 e 16, che alcuni punti siano chiari e condivisi tra i promotori e i soggetti che, partecipando all’assemblea del 1° dicembre, sono entrati nell’impresa:

1) le assemblee vanno fatte in tutti i territori in cui ciò è realisticamente possibile. Dunque non mettiamoci vincoli sulla dimensione territoriale: più ne facciamo meglio è, purché ci siano le condizioni per farle riuscire;

2) le assemblee devono essere precedute da riunioni preparatorie estese a tutti i soggetti interessati (singoli aderenti alla campagna, associazioni, movimenti partiti). Gli incontri preparatori saranno convocati informalmente: dai promotori, nelle realtà in cui sono presenti, e in ogni caso da chi è disponibile a prendere l’iniziativa. L’importante è che la convocazione avvenga in una logica di inclusione di tutti e non di orticelli separati. Gli incontri preparatori serviranno a stabilire le modalità di preparazione e di svolgimento delle assemblee;

3) le assemblee sono convocate dappertutto con la dizione “Cambiare di può”, di cui devono essere il primo momento di presentazione sul territorio (ove possibile con la presenza di uno dei promotori). Vi invitiamo a Comunicare tutte le assemblee convocate a info@cambiaresipuo.net così da potere comporre un quadro generale degli appuntamenti.

4) è importante che in ogni territorio l’indizione dell’assemblea evidenzi che si tratta di una iniziativa plurale e aperta. Ciò avverrà nei modi che i territori riterranno più adeguati alla situazione locale. L’importante è che, anche attraverso i nomi di chi promuove l’iniziativa, lancia l’evento e partecipa a conferenze stampa eccetera, si dia un segnale concreto di una iniziativa partecipata sin dalla fase di lancio;

5) le assemblee presenteranno “Cambiare si può” ai cittadini e avvieranno la discussione sulle modalità più opportune (anche organizzative) per procedere nel percorso avviato a Roma verso le elezioni del 2013. Entro lunedì 10 manderemo una proposta con l’indicazione dei punti che sarebbe utile affrontare.

6) le assemblee non eleggeranno delegati ma, ove possibile, raccoglieranno le proposte emerse che saranno ulteriormente illustrate dai partecipanti all’assemblea del 22 dicembre;

7) l’assemblea del 22 dicembre sarà il momento di sintesi dei dibattiti assembleari e deciderà i passaggi futuri (cominciando ad affrontare anche i temi del programma della lista, del nome e del simbolo).

Buon lavoro a tutte/i

***********

Di seguito quello che abbiamo deciso il 1° dicembre 2012

L’Assemblea riunita al Teatro Vittoria il I dicembre 2012

Riconosce la necessità di una proposta elettorale autonoma e nuova, anche nel metodo, capace di parlare a un’ampia parte del Paese

Invita tutte le realtà locali interessate a questo progetto a promuovere assemblee nei territori, con la più ampia partecipazione dei
cittadini, nei giorni 14 dicembre-15 dicembre-16 dicembre

Dà mandato ai promotori dell’Appello “cambiare si può” di indire entro il mese di dicembre una seconda assise nazionale al fine
di valutare l’esito della consultazione nei territori.

 

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi