Sabato 25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 19:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Enrico Letta: Ora intesa PD centro montiano è più vicina.
 Enrico Letta non è Matteo Renzi, è uno che alle primarie era con il Clan dei bersaniani. Lui non è quindi uno che potrebbe essere accusato di essere un berlusconiano travestito, eppure Letta non ha dubbi. Per lui il fatto che il PD farà   un Governo insieme alle forze che sostengono Monti oggi è una certezza. "Che questo debba avvenire con un'alleanza con liste apparentate ora, o con un accordo dopo il voto, e' da valutare - dice in una intervista alla Stampa - è una scelta legata anche alle tecnicalita' della legge elettorale. Oggettivamente questa situazione avvicina il Pd al cosiddetto 'centro montiano''.  
Le primarie per la scelta dei parlamentari 'si faranno sicuramente, e saranno primarie aperte, non solo tra gli iscritti del partito', assicura Letta. Sull'intesa tra Bersani e Monti, 'non credo possano esserci forme di intesa sui posti, ma sicuramente questa vicenda di Berlusconi rende ancora piu' lecito immaginare che anche dopo le elezioni una collaborazione tra Monti e il centrosinistra ci sara', vedremo in quali forme'. Adesso bisogna finire ordinatamente la legislatura, dichiara Letta, e cioe' 'approvare la legge di stabilita', convertire gli ultimi decreti e poi andare al voto rapidamente, per evitare che il Vietnam che il Pdl ha promesso a noi, a Monti e a Napolitano, trascini con se' la credibilita' delle istituzioni. Ci sono alcuni provvedimenti delicati - rileva - ma penso che entro Natale si possano approvare tutti, correndo e lavorando nei week end'. Per l'esponente del Pd 'l' idea di una campagna elettorale giocata su una concorrenza tra Grillo e Berlusconi a chi sfascia di piu' e' una follia che l'Italia non puo' permettersi. Ci riporta nell'alveo dei paesi da emergenza. Anche da parte di tutti quelli che hanno seguito Berlusconi e' un atto di irresponsabilita' spaventoso: trovo assurdo che per un posto in Parlamento si aiuti a compiere uno sfascio del genere'.
Le dichiarazioni di Letta hanno gettato nel panico SEL, Vendola però tace ed evita la polemica. Così a dover rispondere a Letta è Gennaro Migliore che invoca la carta d'intenti di Italia Bene Comune. Un patto però che forse Migliore dovrebbe leggere meglio, perchè in quelle righe l'apertura verso il centro è scritta a chiare lettere.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi