Martedì 26 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento 18:02
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Il prezzo dell’euro
Si trovano centinaia di miliardi per salvare le banche dal default, ma non un centesimo per salvare famiglie e lavoratori dalla crisi. Anzi, è prima di tutto a loro che si chiedono sacrifici mentre i veri responsabili del disastro restano intoccabili. Oltretutto senza cavare un ragno dal buco: lo spread va su, le borse vanno giù; gli stati uno dopo l’altro sono preda della speculazione finanziaria, i debiti pubblici si allargano. Sorge allora spontanea la domanda: salvare l’euro, ma a che prezzo? E se si tornasse alle monete locali? Sarebbe meglio o peggio? E comunque, è giusto o no prevedere un “piano B”, visto che personaggi del calibro del capo dell’Fmi danno l’euro per spacciato entro i prossimi tre mesi? Di sicuro, non è con qualche correttivo, come propongono il Pd e tutti i partiti socialisti europei, che si potrà uscire da questa spirale recessiva, che sta uccidendo le economie di mezza Europa e affamando i popoli. Occorre, al contrario, una totale inversione di rotta, a partire da una più equa distribuzione dei costi della crisi. Come spieghiamo in questo nuovo numero di Ombrerosse

www.controlacrisi.org/ombrerosse
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi