Sabato 20 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento 16:25
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
#19o, la connessione è al lavoro. Buona sollevazione a tutti!
Non era facile, non era scontato. A Roma, ieri, ha fatto la sua irruzione un movimento nuovo. O meglio, una nuova fase di una vecchia storia iniziata a Genova nel 2001. Un movimento che finalmente inverte la tendenza e produce senso politico in una società che ormai ha ben poco da dire e da scoprire consumata come è dalla crisi economica e politica. Contro chi pensa di crescere sui propri cadaveri, la politica; contro chi tira il sangue dalla povera gente e crede che questo sia “fare impresa”, i cosiddetti imprenditori; contro chi il sangue lo sparge senza ritegno e chiede per questo impunità, l’apparato militare repressivo al servizio del potere. L’acampada dice a tutti: “Noi siamo qui. E vogliamo lottare". Lottare per non farci massacrare dalla crisi, innanzitutto. Perché la crisi non è un sostantivo neutro. E chi l'ha creata va individuato. Chi ha messo le tende a Porta Pia lancia un segnale preciso: “Non ci facciamo circondare e rinchiudere nell’emergenza, vi fronteggiamo laddove voi state. Vi veniamo a stanare”.
Aver ostinatamente cercato la saldatura tra i vari soggetti di un magma sociale vivo è stata la chiave vincente. Aver saldato la rivendicazione sindacale, a partire dal precariato, con la pratica dei bisogni primari, come quello della casa, e la rivendicazione dell’identità comunitaria di fronte alla violenza dei poteri politico-affaristico-mafiosi ha aperto un orizzonte nuovo. Non aver dimenticato la gloriosa vittoria della battaglia contro la privatizzazione dell’acqua, e aver rimesso in campo con forza il diritto ad essere cittadini del mondo ha dato alla giornata di ieri un respiro senza precedenti.
Ora sta a noi non disperdere questa ricchezza e applicare tutta l’intelligenza e le cure possibili per la sollevazione autentica, quella che agisce in relazione ad un obiettivo preciso. La società è viva, viva i soggetti sociali che la formano.
Troppo spesso si dimentica che la crisi della politica non vuol dire niente se non la si legge in relazione alla ristrutturazione corporativa degli apparati politici. Il potere istituzionale oggi non è altro che il risultato di un preciso calcolo fatto in altre sedi a cui gli schiavi in giacca e cravatta si adeguano di buon grado perché garantisce loro di pascolare impunemente. La società reale, che non pascola nello stesso prato o non pascola affatto, comunque si muove alla ricerca di una sua identità. Non sta mai ferma. Può anche sbagliare il tiro, come è accaduto con il voto di rottura dato a Grillo, ma poi è pronta a ritentare per un nuovo percorso. A un militante No Tav a cui ho chiesto cosa avessero in mano dopo tutti questi mesi di sponda politica con l’M5S mi ha risposto: “Niente, ci reprimono più di prima”.
E’ stupido e inconsistente dire che in questa fase la qualificazione del movimento si gioca sulla imitazione della pratica dell’antagonismo. La qualificazione ora si gioca sulla connessione delle lotte perché solo in questo modo può finalmente venir alla luce del sole quel lavorio che comunque è andato avanti nella pratica sociale di questi anni.
E’ chiaro, di fronte al vuoto totale di idee e programmi la borghesia, e gli apparati politico-mafiosi che la compongono, le corporazioni d’affari, il potere finanziario, potrebbero reagire con rabbia e violenza. Smontare ogni volta la costruzione mediatico-militare sarà una delle sfide del movimento, a cui non manca certo intelligenza e determinazione.
La connessione non si articola con le parole, infine, ma con la costruzione materiale delle vertenze. E su questo il movimento sconta più di qualche ritardo. Superare le barriere che fino ad oggi ci hanno impedito di acquisire obiettivi certi sarebbe già una grande conquista di maturità. C’è ancora molto lavoro da fare. Ma, da questo punto di vista, la crisi ha aperto e continuerà ad aprire spazi amplissimi. E quindi, buona sollevazione a tutti.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi