Mercoledì 20 Novembre 2019 - Ultimo aggiornamento 19:20
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Salva-Roma, al Senato passa l'emendamento che apre la strada ai licenziamenti in Acea
Via libera dell'aula del Senato all'emendamento della senatrice Linda Lanzillotta (Sc) al Dl Salva Roma nella versione riformulata e che riguarda Acea e la partecipazione del Comune di Roma. La riformulazione, che non esclude i licenziamenti ma li maschera, contempla comunque "una ricognizione dei fabbisogni di personale nelle societa' partecipate prevedendo per quelle in perdita il necessario riequilibrio con l'utilizzo degli strumenti legislativi esistenti". Resta fermo "il controllo pubblico delle societa' e delle reti ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile, primo comma punto 1", e dunque del 51%.
L'emendamento prevede anche la presentazione al Mef e al Parlamento di un rapporto che evidenzi le cause della formazione negli anni precedenti del disavanzo di bilancio di parte corrente nonche' l'entita' e la natura della massa debitoria". Insomma, una radiografia vera e propria che avrà l’effetto di mettere sul banco degli imputati le aziende “non in regola”. Nonostante tutto, il senatore di Sc Pietro Ichino, non è d’accordo. "Questo emendamento, attribuendo un potere di veto ai sindacati sulle misure di riduzione di personale- sottolinea - pone un'ipoteca pesantissima sulla possibilita' effettiva di eliminare una delle cause principali dei gravissimi disavanzi che le societa' controllate dal Comune di Roma fanno registrare. Il Pd, dando il suo appoggio decisivo alla sua approvazione- conclude Ichino- mostra di voler continuare a praticare proprio quei vecchi metodi di amministrazione che hanno portato al dissesto attuale delle finanze comunali. E mostra di non essersi liberato affatto dell'idea sbagliatissima secondo cui la protezione della sicurezza economica e professionale del lavoratore dovrebbe passare attraverso l'ingessatura del posto di lavoro".
Davanti al Senato si sono presentati a protestare gli autisti autorganizzati dell'Atac, proprio contro le privatizzazioni. Domani, inoltre, è prevista una marcia dal Colosseo al Campidoglio a favore del trasporto pubblico, che vedrà insieme cittadini-utenti e lavoratori dell'azienda del trasporto pubblico.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi