Mercoledì 15 Luglio 2020 - Ultimo aggiornamento 07:43
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Papa Bergoglio, le madri di plaza de Mayo ricordano: "Nel 2007 non ci ricevette. Noi non scordiamo il marzo del 1976"

La grafica ritratta nella foto ("il papa stava in silenzio quando mio papà veniva torturato", Photocredit Lapresse) è stata condivisa da decine di migliaia di utenti argentini del web. Sono davvero tutti contenti in Argentina dell’elezione di Jorge Bergoglio al soglio pontificio? Non è proprio così. Da una parte le madri di Plaza de Mayo hanno preferito sorvolare nel giudizio sull’ex arcivescovo di Buenos Aires, dall’altra la stampa ricorda la sua posizione di forte opposizione al governo della Kirchner e le sue posizioni su matrimoni gay ed educazione sessuale.

Questo quanto ha dichiarato Hebe Bonfadini, una delle leader delle “Madri”. “Le madri ormai da molti anni, ovvero da quando hanno dato il via alla loro lotta, collaborano solo con sacerdoti del terzo mondo. Abbiamo una lista di 150 sacerdoti assassinati dalla dittatura e di questi la Chiesa ufficiale non si è mai preoccupata e non ha mai reclamato per i loro corpi. Le madri parlavano della Chiesa ufficiale quando nessuno lo faceva. Questa è opprimente ma quelle del terzo mondo sono invece liberatrici. Abbiamo rapporti sono con loro e per il Papa che hanno nominato abbiamo solo da dire una cosa: Amen”.

Nel 2007 le Madri di Plaza de Mayo scesero in piazza contro l’allora cardinale Bergoglio, che non si era mai degnato di riceverle “Bergoglio rappresenta il fascismo, rappresenta la dittatura”, hanno detto. “Noi donne non scordiamo un altro marzo. Il 24 marzo 1976: in Argentina un golpe militare instaura una dittatura che durerà ben 7 anni durante i quali migliaia di persone sono arrestate, torturate, uccise, scomparse, “desaparecidos”.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi