Martedì 21 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 11:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Imu, sindaci lombardi contro il buco di 700 milioni. "Basta tagli. Pronti alla rivolta"
Un centinaio i sindaci lombardi si sono riuniti questa mattina a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, per dire 'basta' ai tagli agli enti locali previsti dal Governo.
A coordinare i lavori il padrone di casa Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, il presidente di Anci Lombardia, Attilio Fontana e il presidente di Anci nazionale, il sindaco di Torino Piero Fassino. A scatenare la rabbia dei sindaci italiani, i cui Comuni sono gia' provati da anni dai tagli e dai mancati trasferimenti da parte dello Stato, e' stata la richiesta del Governo di far fronte ai mancati introiti dell'Imu.

Una nuova richiesta "da parte di ministero dell'Economia e degli Interni - ha spiegato Piero Fassino - di altri 700 milioni di euro di tagli, il che non e' francamente proponibile e nemmeno sostenibile". Lo Stato italiano "prende 700 milioni di Imu in meno e siccome non sa dove andare a prenderli li chiede ai Comuni.
 
E' arrabbiato da giorni anche il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che e' convinto della necessita' "di una presa di posizione eclatante" da parte dei sindaci italiani "perche' fino a questo momento non c'e' stata attenzione da parte di chi doveva dare delle risposte chiare in merito". Qualcuno dei sindaci presenti ha proposto di dare le dimissioni in blocco come gesto simbolico, una strategia che per il momento non viene presa in considerazione dall'Anci, l'associazione che riunisce i Comuni italiani, che punta sulla strada del dialogo con il Governo.

Enrico Letta e il ministro per gli Affari regionali Graziano Delrio hanno fatto sapere di essere disponibili a un incontro, la cui data pero' non e' stata ancora fissata. Sugli esiti dell'incontro con il Governo "l'Anci decidera' la sua linea di azione", ha concluso Fassino. Ma a tornare sulle barricate, subito dopo l'annuncio del sindaco di Torino, e' Attilio Fontana, il presidente di Anci Lombardia, che avverte: "se il Governo non fara' marcia indietro sui 700 milioni dell'Imu non presenteremo i nostri bilanci e che poi ci commissarino tutti se credono. E' una proposta che ho fatto ma la scelta spetta all'Anci - ha precisato Fontana - Devono capire che se cedono i Comuni muore il Paese". Intanto, nel pomeriggio, e' arrivata la rassicurazione del ministro Delrio: "Le loro buone ragioni vanno certamente ascoltate".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi