Martedì 25 Febbraio 2020 - Ultimo aggiornamento 12:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Oggi sindacati in piazza contro accordo sulla rappresentanza
il 4 luglio alle 17.30 tutti in piazza Santi Apostoli a Roma è stata convocata una manifestazione per dire no all'accordo "ammazzasciopero" del 31 maggio e si ad una legge sulla democrazia sindacale subito. Qui di seguito il testo dell'appello

APPELLO
Contro l’accordo del 31 maggio tra Confindustria, Cgil, Cisl, Uil e Ugl.
No al divieto di sciopero e alla privatizzazione della rappresentanza.
Subito una legge sulla democrazia sindacale

Definito “accordo storico”, intorno all’Intesa sulla rappresentanza sindacale tra Confindustria e CGIL CISL e UIL (e poi UGL) è calata una coltre di silenzio perché tale è la sua gravità che i firmatari intendono attuarla non volendo suscitare lo sdegno e l’opposizione di tutti coloro a cui stanno a cuore i principi della democrazia nei luoghi di lavoro.

Con questo accordo si mira a estendere il modello Fiat, ovverosia a scambiare il monopolio della rappresentanza dato ai sindacati firmatari con la rinuncia al diritto di sciopero e al conflitto sindacale. Confindustria − che oggi canta vittoria − vuole contratti sempre peggiori e lavoratori obbligati ad accettarli. Con l’accordo del 31 maggio si ribadisce il principio che attribuisce la titolarità negoziale ai soggetti sindacali con più voti ma si precisa che “ai fini della misurazione del voto …. varranno esclusivamente i voti assoluti espressi per ogni Organizzazione Sindacale aderente alle Confederazioni firmatarie della presente intesa”, ovverosia varranno solo i voti di CGIL CISL e UIL. Inoltre si afferma che si potrà procedere al “passaggio alle elezioni delle RSU … solo se definito unitariamente dalle federazioni aderenti alle Confederazioni firmatarie il presente accordo”. Infine si prevede che “il cambiamento di appartenenza sindacale da parte di un componente la RSU ne determina la decadenza dalla carica e la sostituzione con il primo dei non eletti della lista di originaria appartenenza del sostituito”, venendo così represso ogni dissenso anche nel sindacato.

Con l’accordo del 31 maggio si afferma il principio che il voto è proprio del sindacato e non dei lavoratori che lo hanno espresso, non prevedendosi neppure un diritto certo di referendum sugli accordi facendosi solo un vago riferimento a una “consultazione certificata”. In cambio dell’attribuzione esclusiva della rappresentanza, CGIL CISL e UIL hanno sottoscritto l’impegno “a non promuovere iniziative di contrasto agli accordi così definiti”, formula amplissima che include ogni forma possibile di opposizione collettiva, che non prevede alcun limite massimo di durata e che non fissa neppure argini alle conseguenti sanzioni massime datoriali (rimesse ai rapporti di forza in ogni singolo contratto nazionale).

Noi crediamo che il diritto di organizzarsi sul posto di lavoro e di scegliere i propri rappresentanti a livello nazionale non sia delle organizzazioni sindacali ma di ciascuna donna e di ciascun uomo che lavora. E crediamo che non possa esserci mai nessuno scambio tra la rappresentanza democratica e i diritti costituzionalmente garantiti di lottare per ottenere migliori e più dignitose condizioni di lavoro e di vita. Crediamo infine che questa materia necessiti di una legge e che non sia possibile trattarla attraverso accordi privati che escludono altre formazioni sindacali e che soprattutto non rispettano i diritti costituzionali delle lavoratrici e dei lavoratori. Per questo chiediamo di sottoscrivere questo appello:

- per far sentire la propria voce di dissenso verso un accordo che nega i principi della libera e democratica rappresentanza nei luoghi di lavoro;
- per chiedere che sia varata dal Parlamento una legge che – inverando la sostanza dell’art. 39 della Costituzione − preveda la misurazione senza vincoli e proporzionale del consenso di tutti i lavoratori in relazione a tutte le formazioni sindacali e che - senza alcuno scambio con il diritto di sciopero, non a caso previsto dalla Costituzione all’ articolo 40 con riserva di legge per ogni sua limitazione − riconosca la rappresentanza in relazione all’effettiva rappresentatività, indipendentemente dalla partecipazione ai tavoli negoziali e alla sottoscrizione degli accordi che comunque dovranno essere sempre definitivamente approvati dai lavoratori.

Invitiamo a partecipare a tutte le iniziative che saranno organizzate contro l'accordo del 31 maggio a partire dall'Assemblea pubblica che si svolgerà a Roma il 4 luglio prossimo alle ore 17,30 in Piazza Santi Apostoli a Roma.

I primi firmatari
Carlo Guglielmi (Presidente Forum Diritti/Lavoro)
Paola Palmieri (Esecutivo nazionale USB)
Giorgio Cremaschi (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Franco Russo (Forum Diritti/Lavoro)
Sergio Bellavita (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Fabrizio Tomaselli (Esecutivo nazionale USB)
Piero Bernocchi (portavoce nazionale Confederazione COBAS)
Antonio Di Stasi (professore di Diritto del Lavoro Università delle Marche)
Alberto Lucarelli (costituzionalista)
Claudio Baldassaroni (Segretario generale SNATER)
Ugo Mattei (giurista)
Guido Viale (saggista)
Alessandra Algostino (costituzionalista)
Graziella Bastelli (COBAS Sanità Policlinico Roma)
Barbara Battista (Esecutivo nazionale USB Pubblico Impiego)
Massimo Betti (Esecutivo nazionale USB Pubblico Impiego)
Alessandro Brunetti (avvocato)
Gaetano Bucci (costituzionalista)
Fabrizio Burattini (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Maria Grazia Campari (avvocato)
Carlo Carelli (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Piero Castello (COBAS Pensionati)
Eliana Como (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Pasquale Crupi (avvocato)
Francesco De Simone (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Riccardo Faranda (avvocato)
Luigi Ficarra (avvocato)
Cristiano Fiorentini (Esecutivo nazionale USB Pubblico Impiego)
Paolo Grassi (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Franco Grisolia (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Paolo Leonardi (Esecutivo nazionale confederale USB)
Bartolo Mancuso (avvocato)
Gianni Miggiano (SNATER Telecom)
Vincenzo Miliucci (Esecutivo Nazionale COBAS Lavoro Privato)
Emidia Papi (Esecutivo nazionale USB Lavoro Privato)
Licia Pera (Esecutivo nazionale USB Pubblico Impiego)
Francesco Rizzo (USB Ilva Taranto)
Daniela Rottoli (USB San Raffaele Milano)
Maurizio Russo (Esecutivo nazionale COBAS Pubblico Impiego)
Giovanni Russo Spena (giurista)
Paolo Sabatini (Esecutivo nazionale USB Lavoro Privato)
Arturo Salerni (avvocato)
Anna Grazia Stammati (Esecutivo Nazionale COBAS scuola)
Luciano Vasapollo (Prof. Università Sapienza Roma)
Danilo Zucchet (Coord. Reg. USB Lombardia)
Stefano Giribuola (RSU Fiom Lear stab. Grugliasco)
Marco Arturi (Rete 28 aprile nella Cgil)
Leonardo Arnau (avvocato)
Alessandro Sandi Volk (USB Trieste)
Daniela Cortese (RSU SNATER Telecom Italia Sparkle)
Fulvio Macchi (RSU Telecom Italia Trieste)
Vincenzo Cesarano (Coord. Reg. USB F.V.G.)
Giulio Farella (Dottorando Università del Salento)
Daniele Carpine (Telecom Italia Caserta)
Stefano Di Marino (SNATER)
Willy Puglia (USB F.V.G.)
Andrea Giromella (RSU Telecom Segreteria Snater Tlc Lazio)
Pasquale Casertano ( Snater Telecom)
Leonardo De Angelis (RSU Sistemi Informativi Direttivo Filcams CGIL Roma e Lazio)
Nicoletta Cibotti (Rete 28 aprile nella Cgil)
Attilio Ratto (RSU Provincia di Genova)
Alessandra Perrotta (delegata CGIL - Provincia di Genova)
Fabrizio Dubbini (RSU Telecom)
Emanuele Cecchinato (docente Mestre)
Stefano Bezzeccheri (Fiom ancona)
Mariangela Arizio (USB INPS)
Massimo Carlini (Rete28 Aprile nella CGIL)
Antonio Esposito Corcione (Telecom Avelino)
Vittorio Romano
Franco Ciammitti
Roberto Cortese (Esecutivo Nazionale USB Lavoro Privato)
Franco Zotti (RSU- Azienda Trasporti Provinciale Gorizia)
Fabio Vassallo (RSU Azienda Trasporti e Mobilità Alessandria)
Fabio Carchic (RSU Azienda Comunale Trasporti Venezia)
Francesco Ranio (RSU Azienda Comunale Trasporti Venezia)
Lorenzo Danieli (RSU Azienda Comunale Trasporti Treviso)
Efren Salvego (RSU Azienda Comunale Trasporti Treviso)
Alessio Bartolami (RSU ATAC Roma)
Fabio Rastelli (RSU ATAC Roma)
Iorio Alfredo USB, (RSU ATAC Roma)
Corrado Morale (RSU ATAC Roma)
Salvatore Sassu (RSU ATAC Roma)
Michele Pirozzi (RSU Consorzio Tranvie Provinciali Napoli)
Sabina Filardo (RSU/RLS Azienda Napoletana Mobilità)
Adolfo Vallini (RSU/RLS azienda Azienda Napoletana Mobilità)
Antonio Mazzella (RSU Ente Autonomo Volturno)
Diego Perez (RSU- Ipercoop Livorno)
Andrea Conti (RSU Unicoop Firenze)
Claudio Galantini (RSU Unicoop Firenze)
Paolo Ottavi (RSU Coop Genzano Roma).
Mirko Mercolini (RSU Azienda per La Mobilità Integrata Pesaro)
Riccardo Franca (RSU Azienda per La Mobilità Integrata Pesaro)
Tiziana Bordini (Dipendente Telecom Italia)
Maurizio Mariani (RSU Sistemi Informativi Roma)
Stefano Ulliana (insegnante scuole pubbliche italiane)
Elvio Sanguedolce (insegnante)
Stefano D’Intinosante (Direttivo FIOM CGIL Treviso e RSU Azienda SOMEC)
Alma Rivola
Giuseppe De Marzo (ass. A Sud)
Gianni Carravetta (RSU Comune di Roma Cobas P.I.)
Franco di Liberto
Domenico Gattuso (Docente Trasporti Università Mediterranea di Reggio Calabria)
Riccardo Rossi ( Rete 28 aprile nella CGIL )
Eduardo Improta (lavoratore Telecom licenziato a seguito di un accordo sindacale non votato dai lavoratori)
Giovanni Malignano (lavoratore Telecom licenziato a seguito di un accordo sindacale non votato dai lavoratori)
Rocco Roberto
Paola Marangone
Delia Fraticelli RSU Poste Italiane
Pasquale Casertano ( SNATER Telecom)
Ugo Lucignano (rete 28 Aprile nella CGIL)
Stefania Volpi
Raffaella Bonifacio (rsu Cobas liceo F.Petrarca di Arezzo)
Lucia Fano (esecutivo confederale regionale USB FVG)
Cinzia giuliano
Christian Osella (USB Torino)
Stefano Flammia
Immacolata Spagnuolo ( Telecom 187 snater)
Ernesta Angela Bevar (USB Scuola Milano)
Pino Lombardo (direttivo CGIL comprensorio Reggio Calabria-Locri.)
Alvaro Belardinelli (Docente - RSU UNICOBAS SCUOLA)
Nino Cortesi
Antonio Aiello (coordinamento Usb Anm Napoli)
Francesco Signorelli (Usb – Pavia)
Patrizia Giuliano (Ricercatore università degli Studi di Napoli)
No austerity coordinamento delle lotte
Luigi Brambillaschi.
Stefano Cecchi (USB Firenze)
Silvia Di Fonzo (Rete 28 Aprile nella CGIL)
Antonio D'Auria (RSU della scuola eletto con FLC-Cgil e passato alla USB P.I.)
Claudia Giella (insegnante)
Paolo Martini (USB Udine)
Sveva Haertter (iscritta Filcams.Cgil)
Pino Commodari (CPN Partito della Rifondazione Comunista)
Tito Poli (RSU/RLS Agenzia Dogane Trieste - USB FVG)
Andrea Marzoli (Segreteria nazionale Confsal Comunicazioni e Rsu Accenturre hrservices )
Domenico Calderoni (Snater IT.Telecom)
PMLI
Emanuele Visciglia (delegato rsu FOMAS Cernusco)
Antonio Grieco (pensionato, ex operaio Alfa Romeo, ex dirigente della Fiom, del PCI e di Rifondazione Comunista).
Maddalena Antonini (Rete 28 aprile nella Cgil)
Mario Ferrucci (USB-Gorizia)
Massimo Bortoloni (RSU/RLS TERNA MILANO)
Alfredo Bertocchi (Esecutivo Nazionale USB P.I. Ricerca)
Pio De Angelis (segretario provinciale del PdCI di Pordenone)
Aaron Belotti
Ugo Dei Cas (USB Milano)
Nevio Cociancich (Rete 28 Aprile nella Cgil)
Giuseppe Lo Verde (Rete 28 aprile nella CGIL).
Alexander Vecchiet (rsu insiel - rete 28 aprile )
Livio Sacchetti (RSA CGIL FILT della Francesco Parisi Casa di Sped. Spa)
Maria Carmela Salvo (precaria scuola)
Barbara Abram
Ottavio Romano (avvocato, Gorizia).
Erminia Bellina ( Rete28Aprile nella CGIL)
Delio Di Blasi (Coordinatore "La CGIL che vogliamo" Cosenza)
Claudia Cernigoi (USB Agenzia delle Entrate Trieste)
Roberta Nacci (portavoce Movimento Cassintegrati Telcom_ Ostuni)
Alessandro Turco (Rete 28 aprile nella Cgil)
Gloria Moro (ex operaia privata, ATA e Docente pubblica e privata, ex
sindacalista CGIL fuoriuscita per dissenso sindacale e politico).
Antonio Saulle
Alessandro Casotto
Heller Alessandro (delegato CGIL FP al Comune di Trieste=
Marina Strain (Rete 28 aprile nella Cgil)
Ludwig Desiderato (Rete 28 Aprile)
Sasha Collutti (Rete 28 Aprile Trieste)
Erica Gotti (Rete 28 aprile nella Cgil)
Fulvia Benolich
Imma Barbarossa (rete 28 aprile nella Cgil)
Massimo Paparella (rete 28 aprile nella Cgil)

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi