Martedì 15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento 16:48
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Revelli "Bisogna sentire lo scandalo della disegualianza sociale"
"Cosa vuol dire essere di sinistra?È un impulso prepolitico, una radice antropologica che viene prima di una scelta di campo consapevole. Davanti alle disparità di classe o di censo o di condizione sociale, c'è chi si compiace, traendone la certificazione del proprio essere superiore. E c'è chi si scandalizza, come capitò a Norberto Bobbio quando scoprì da bambino la miseria dei contadini che morivano di fame.

Lo "scandalo della diseguaglianza", lo chiamò proprio così. Un'indignazione naturale, che non è comune a tutti". Nella casa dove visse Gobetti, tra i libri di Antonicelli e i grandi faldoni dell'azionismo, Marco Revelli ci fa strada lungo i segreti cunicoli di un palazzo ottocentesco, da cui forse ha inizio parte della storia. Una storia di sinistra che nel caso di Revelli - classe 1947 e una nutrita bibliografia tra storia, economia e sociologia - s'incarna anche nella figura del padre Nuto, cantore del "mondo dei vinti" e mitico comandante di Giustizia e Libertà. "Una montagna troppo alta da scalare", dice il figlio con la mitezza di chi se lo può permettere.

Lo "scandalo della diseguaglianza". Lei quando cominciò ad avvertirlo?
"Da bambino, quando facevo le scuole elementari a Cuneo. Negli anni Cinquanta la frattura sociale era molto visibile, e nella mia classe convivevano ceti molto diversi. Una mattina venne chiamata la madre di due miei compagni, a quel tempo alloggiati in una caserma abbandonata. Davanti a tutta la scolaresca fu severamente rimproverata perché i suoi bambini non si lavavano. Io provai un grande disagio. Non dissi nulla a casa".

continua a leggere 

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi