Martedì 21 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 11:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Confindustria: “recessione finita”. Dopo il terrorismo psicologico, siamo alle rassicurazioni senza fondamento!

Negli scorsi anni siamo stati sottoposti ad una campagna di terrorismo psicologico per giustificare le drammatiche politiche di austerità. Adesso che le politiche di austerità hanno distrutto l’economia italiana provocando una gravissima recessione, gli stessi soggetti spargono rassicurazioni sul fatto che la recessione è finita e che quindi si vede la fine della crisi. Si tratta di rassicurazioni senza fondamento: dopo aver perso 4,5 punti percentuali di PIL in due anni, la rosea prospettiva sarebbe data da una stagnazione prolungata in cui si continuerebbe a perdere decine di migliaia di posti di lavoro. La verità non è l’uscita dal tunnel ma il completo fallimento delle politiche di austerità e la necessità di rovesciarle partendo dalla redistribuzione del reddito dai ricchi a favore di disoccupati, lavoratori e pensionati. Per questo proponiamo la patrimoniale sulle grandi ricchezze e di smetterla di pagare la tangente dei tassi di interesse usurai sul debito, uno spreco di 70 miliardi. [Paolo Ferrero]

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi