Martedì 21 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 11:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Grecia, manifestazioni e proteste contro l'infame agguato di Alba dorata

Atene, Patrasso, Creta, Trikala e Salonicco. La Grecia ha reagito piuttosto duramente all’efferato omicidio di Pavlos Fyssas, militante antifascista e rapper avvenuto la scorsa notte in un sobborgo di Atene. Grandi manifestazioni di protesta si sono aggiunte allo sciopero generale proclamato dai sindacati contro i licenziamenti di massa nel settore pubblico e la povertà dilagante. Ai blitz della destra nazista si è aggiunto un grave episodio di intolleranza razziale ai danni di una bimba rom presa a calci mentre chiedeva l'elemosina. La tensione sociale è alle stelle. Migliaia di persone - almeno 10.000 ad Atene e 7.000 a Salonicco - sono scese in piazza ancora piu' arrabbiate, con scontri che si sono verificati in serata tra polizia e manifestanti proprio vicino al luogo dove si e' consumato l'omicidio. Due coltellate al cuore inferte da un neonazi hanno stroncato la scorsa notte la vita di Fyssas, 34 anni, un noto e apprezzato rapper nonche' militante antifascista. Il giovane aveva cominciato a farsi conoscere come artista hip hop sin dal 1997 e si esibiva con il nome d'arte di Killah P. Quasi subito ad Atene sono scattate le perquisizioni delle forze dell'ordine in diverse sedi di Alba Dorata, ma c'e' voluto poco alla polizia per rintracciare ed arrestare Poupakia's, il quale ha confessato quasi subito di essere l'omicida ma non ha ammesso - come invece fortemente sospettato - di essere un simpatizzante del partito filo-nazista Chrysi Avghi' (Alba Dorata). Quando ha capito che stava per essere catturato, l'uomo ha telefonato alla moglie chiedendole di far sparire la tessera d'iscrizione ad Alba Dorata, che pero' gli investigatori hanno ritrovato in una busta d'immondizia fuori dalla sua abitazione. Nell'involucro di plastica c'era anche una pistola 'taser' che emette scariche elettriche ad alta tensione.

L'assassinio ha suscitato immediatamente la forte condanna delle forze democratiche del Paese e, in segno di protesta, il sindacato Adedy (settore pubblico) ha indetto una manifestazione nei pressi del luogo dove il rapper e' stato ucciso che si e' inserita nell'ambito dello sciopero di 48 ore proclamato dalla stessa centrale sindacale contro la politica di austerita' del governo. Ma in tutta la Grecia migliaia di persone sono scese in piazza questo pomeriggio sulla scia dell'emozione e della rabbia suscitate dall'omicidio del giovane antifascista. Anche il presidente Karolos Papoulias ha stigmatizzato il fatto di sangue e ha detto che la Grecia deve fare maggiori sforzi nella lotta al fascismo. "E' tempo di assumersi le proprie responsabilita'" ed e' necessaria maggiore "risolutezza politica" per combattere "questo ripugnante fenomeno", ha detto il capo dello Stato, ammonendo che "e' nostro dovere non lasciare spazio alcuno al fascismo, nemmeno un centimetro". Ma anche un altro preoccupante episodio di intolleranza ha scosso ieri il Paese. Diversi giornali hanno pubblicato una foto scioccante in cui si vede una donna che prende a calci una bimba rom seduta sul bordo del marciapiedi mentre e' intenta a chiedere l'elemosina suonando la fisarmonica. La foto, scattata ad Atene dal fotografo dell'AP Dimitris Messinis presso la stazione del metro' sotto l'Acropoli, e' presto diventata virale sul web. Dopo lo sconcerto e le proteste causate dalla pubblicazione della foto, il Dipartimento per la protezione dell'Infanzia della regione di Attica ha avviato un'inchiesta per identificare la donna.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi