Venerdì 24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 12:20
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Anche in Umbria il sindacato è un'altra cosa
Dopo la firma della Camusso al cosidetto TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA, in CGIL sta succedendo il finimondo, con Landini che chiede alla Camusso di ritirate la firma da quell'accordo e la FIOM che sospende le assemblee congressuali almeno fino al 16 gennaio giorno in cui si riunirà il comitatto centrale.

Quello del 10 gennaio è, ne più ne meno, che una sorta di regolamento attuativo, dell'Accordo del 31 maggio.

Che dice sostanzialmente che esistono solo i sindacati che firmano quell'accordo.
Una estensione a livello nazionale del modello Marchionne sperimentato alla Fiat di Pomigliano.

Peggiorativo sì in alcuni punti, ma la sostanza era già stata approvata precedentemente. La FIOM promette tuoni e fulmini al Comitato Centrale del 16 gennaio, ma che puo' fare?

Come puo' sostenere che è contraria ad regolamento di un accordo che ha sostenuto? Landini non riuscirà a far ritirare la firma alla Camusso e non riuscirà ad annullare il Congresso.
L'unica cosa che farà sarà che nelle assemblee congressuali di base terrà un referendum pro o contro l"accordo" del 10 gennaio.
Destinato a naufragare visto che lo farà la sola FIOM e nessuna delle altre categorie.
Il risultato finale VERO è che la Camusso batte Landini su tutto il fronte per manifesta inferiorità tattica del secondo.
Il segretario della FIOM pensava che evitando lo scontro frontale (votando l'accordo del 31 maggio) e giocando di sponda con Renzi magari si poteva far fuori la Camusso. E invece la signora "manco lo vede" e fa quello che vuole.

Il congresso và fatto e dobbiamo dire ai lavoratori e delegati che la Camusso va mandata a casa utilizzando l'unico strumento possibile e cioè il Congresso votando la mozione Il SINDACATO E' UN'ALTRA COSA che dal primo momento, sensa tatticismi emendativi, era contro l'accordo del 31 maggio. Non si tratta di opportunismo, ma di pura coerenza.

Non solo, le nostre liste sono aperte, a tutti quei lavoratori e delegati che finalmente avendo aperto gli occhi condividono la voglia di cambiare la CGIL.

Rubicondi Rossano

IL SINDACATO E' UN'ALTRA COSA - Umbria

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi