Mercoledì 26 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento 14:39
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
F35, con la stessa cifra si possono costruire 400 asili nido

Nei prossimi tre anni sborseremo altri 2 miliardi di euro per le macchine da guerra. Ma con quei soldi si possono creare 26 mila posti di lavoro o comprare 21 treni per i pendolari.

La lista delle opere pubbliche utili è lunga. E l’acquisto dei cacciabombardieri F35 non rientra in quell’elenco, secondo quelli della campagna Taglia le ali alle armi. Ma mentre l’Italia sborserà altri 2 miliardi di euro – per la precisione si tratta di 1 miliardo e 950 mila euro – nei prossimi tre anni per le devastanti macchine da guerra, il governo ha tagliato una cifra pressoché identica (1 miliardo e 500 milioni di euro) al Servizio sanitario nazionale negli anni 2015-2016.

A denunciare l’incongruenza dei progetti di spesa pubblica, che limitano gli interventi nell’area del sociale, favorendo gli appetiti degli apparati militari è Grazia Naletto, portavoce di Sbilanciamoci!, durante la presentazione del dossier “Caccia F35,la verità oltre l’opacità”. Secondo il rapporto, infatti, ad oggi sono stati già spesi 3,4 miliardi di euro per l’acquisto dei primi aerei da combattimento; mentre per soddisfare il programma Joint Strike Fighter ne serviranno altri 10 miliardi.

«Lasciamo ai cittadini italiani giudicare se sia prioritario finanziare l’acquisto di strumenti di guerra – spiegano – o assicurare la piena garanzia di un diritto universale come quello alla salute». Secondo i promotori della campagna del no F35, infatti, è ancora possibile fermare il programma di acquisto delle macchine da guerra, destinando quei soldi ad altri progetti utili, senza incorrere in penali: con la stessa cifra, insistono quelli di Sbilanciamoci! si possono creare 26 mila nuovi posti di lavoro o comprare 21 treni per i pendolari.

L’elenco dei suggerimenti è ancora lungo: secondo quanto scritto nel dossier, con 2 miliardi di euro sarebbe possibile «retribuire oltre 5 mila ricercatori per un anno, mettere in sicurezza 135 scuole, comprare 21 treni per pendolari per un totale di oltre 12 mila posti a sedere, avviare 20 mila giovani al Servizio civile nazionale». Ma non solo, un F35 è «pari alla «spesa necessaria per la garanzia di 33.750 borse di studio di 4.000 euro per gli studenti universitari, la costruzione di 405 nuovi asili capaci di accogliere 12.150 bambini creando al contempo 3.645 nuovi posti di lavoro, l’accoglienza dignitosa di 10.567 richiedenti asilo per un anno».

«Le aggiornate stime di costo – dicono i promotori della campagna – permettono di continuare il confronto tra la spesa per i caccia ed altri utilizzi, più sensati, dei fondi pubblici». Come ad esempio dare una risposta pressoché definitiva al disagio abitativo per centinaia di migliaia di famiglie in tutta Italia. «Ci sembra che queste siano proposte di impiego di risorse pubbliche che vanno in una direzione molto più attinente a quelle che sono le vere esigenze del Paese», conclude Grazia Naletto.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi