Sabato 25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 19:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, oggi il Consiglio straordinario sul "Salva Roma". Protesta di sindacati e partiti alle 14.00
Oggi martedì 18 marzo si terrà in Campidoglio il Consiglio Comunale straordinario sul “Salva Roma”. Contrariamente a quello che dice il nome, il provvedimento del Governo è in realtà un cappio al collo che impone alla gestione Marino tagli e dismissioni per il ripianamento del bilancio. Non solo, in vista ci potrebbero essere anche ridimensionamenti degli organici e tagli delle buste paga. L'Assemblea capitolina dovrebbe svolgersi secondo modalità diverse dal solito, aperta alla partecipazione della cittadinanza e delle associazioni. Diverse organizzazioni sindacali e politiche si sono date appuntamento alle 14 per segnare un punto di forte dissenso dalla macelleria sociale che il sindaco si appresta a fare. Lo slogan è “Roma non si vende, Roma si difende”.

“L'amministrazione capitolina sarà sottoposta ad una vera e propria “troika” – si legge in un comunicato - composta da Presidenza del Consiglio, ministero dell'Interno e Ministero dell'Economia, che dovrà approvare il piano triennale di rientro dal debito predisposto dal Comune di Roma. Una tenaglia che impedisce di derogare dal “patto di stabilità” voluto dal Governo e dall’Europa”.

“Invitiamo i cittadini e le realtà sociali – continua il comunicato - che si battono per la tutela dei beni comuni e per un nuovo modello di città contro le politiche di austerity, a partecipare per imporre un confronto aperto sulle decisioni che interessano il destino di Roma: la qualificazione e gestione pubblica dei servizi e del patrimonio sui quali ribadire l’opposizione ad ogni forma di privatizzazione e dismissione”.

L’invito a Marino è quello di aprire un confronto “con chi da tempo oppone alle politiche di austerity un nuovo modello di città. Non permettiamo che a Roma si ripetano le stesse devastanti ricette che hanno messo in ginocchio Atene”.
Parteciperanno tra gli altri, Confederazione Cobas Roma, Coordinamento lavoratori/rici autoconvocat*- contro la crisi, Coordinamento Romano Acqua Pubblica, Federazione PRC Roma, SCUP, Sinistra anticapitalista Roma, Sinistra per ROma, Sinistra Unita, Social Pride, Valle Occupato, Unione Inquilini.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi