Mercoledì 27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento 09:37
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


L'Appello dei comunisti dell'Europa per le elezioni di maggio. "No alla regressione sociale"
Lo scorso 18 marzo si è tenuta presso il Parlamento europeo una riunione convocata congiuntamente dalla PCP del Portogallo , AKEL a Cipro e PCE della Spagna per discutere una bozza di documento intitolato Meeting "Appello congiunto per le elezioni al Parlamento europeo ", che era stato preparato dalle tre parti menzionate nelle riunioni tenutesi a Nicosia , Siviglia e Madrid.

Allo stesso hanno partecipato , insieme con gli organizzatori ( PCP , Akel e PCE) , i partiti comunisti di Gran Bretagna, Francia , Boemia e Moravia ( Rep. Ceca ) , Finlandia , PCC ( Catalunya) , Sinistra Unita in Spagna , Die Linke Germania e SYRIZA in Grecia. Inoltre , anche se non hanno potuto partecipare i compagni italiani Rifondazione e Pdci hanno comunicato il loro accordo con l'iniziativa e il contenuto del progetto.

Tutti i partecipanti hanno accolto con favore la riunione rilevando un accordo generale con la proposta . SYRIZA e Die Linke presentate nel progetto , di cui segue la formulazione. Nei giorni precedenti la riunione sono arrivati gli emendamenti posti dal PC britannico e dal PC francese incorporati nel testo durante la riunione.

Al termine della riunione del 18 marzo , abbiamo stabilito il 21 marzo,data ultima per aderire al progetto e far girare ad eventuali altri gruppi che avessero voluto firmare. Successivamente , SYRIZA e Die Linke hanno chiesto ancora una settimana per decidere e la scadenza è aperta fino al 15 aprile termine ultimo per l'adesione. Il 31 marzo è stata ricevuta l'adesione del Blocco di sinistra in Portogallo . E così, a oggi, i Partiti e le forze politiche firmatarie sono quelli presentati nella dichiarazione pubblicata qui, in attesa di chiusura definitiva.

Questo metodo di lavoro è stato quello che ha conseguito, nel 2009, la formazione del Gruppo GUE / NGL come un Gruppo Confederale eterogeneo, diversificato e ricco delle diversità della Sinistra Europea ed ha svolto un ottimo lavoro seminando, coltivando e contribuendo a costruire l'alternativa all'Europa del capitale . Speriamo che quest'anno possiamo espanderlo e qui è il passo importante.

Juan de Dios Generoso Villanueva , Responsabile delle Relazioni Internazionali del PCE

 

APPELLO CONGIUNTO PER LE ELEZIONI DEL PARLAMENTO EUROPEO
Bruxelles , 18 marzo 2014

L'Unione europea ( UE) sta attraversando una profonda crisi , che essendo espressione della crisi del capitalismo e delle sue contraddizioni è la risultanza delle politiche atte a favorire le grandi imprese , la finanziarizzazione dell'economia , la liberalizzazione del mercato e la circolazione incontrollata dei capitali , le privatizzazioni , gli attacchi ai servizi pubblici ,l' accumulo di capitali e il maggiore sfruttamento. Queste politiche sono state promosse tanto dalle forze politiche della destra , così come dala democrazia sociale. Così come la crisi del capitalismo mette in evidenza i limiti storici del sistema , la crisi dell'Unione europea dimostra che l'UE non riformabile , data la propria essenza neoliberista e militarista . Un'altra Europa è possibile solo con un cambiamento radicale della base su cui l'Unione europea è stata costruita .

Di fronte alla crisi , l'UE promuove il finanziamento delle grandi banche , trasformando il debito privato in debito pubblico e il suo uso come strumento di dominio economico e politico ; scatenando una violenta repressione sul lavoro e sui diritti sociali acuisce il suo corso neoliberista e militarista - politica che è determinata dagli interessi dei grandi gruppi economici e finanziari e degli stati dominanti . Di conseguenza, l' Unione europea promuove la concentrazione del potere politico in una lobby di poteri , rafforza la mancanza di democrazia , il predominio degli stati dominanti e divide
l' Europa in una preminente " ricca e leader" e una periferica " povera e dominata ".

Questa offensiva cerca di imporre una regressione sociale di proporzioni storiche , che si riflette chiaramente nei tagli brutali dei salari , delle pensioni e del benessere sociale; nell'aumento della disoccupazione e del lavoro precario - con conseguenze drammatiche per i giovani ; in un accesso sempre più restrittivo alla sanità , all'istruzione, all'alloggio , aumentando la povertà e l'esclusione sociale , e il trattamento degli immigrati come potenziali criminali . Questa offensiva , che è accompagnata da attacchi ai diritti sociali raggiunti spesso sanciti nelle costituzioni nazionali , vuole limitare altri diritti e libertà come i diritti sindacali , diritti di associazione , di espressione e di partecipazione democratica .

La democrazia , la sovranità nazionale , il diritto allo sviluppo economico e sociale sono minacciati dai "patti d'intesa " della Commissione europea , della Banca centrale europea e del Fondo monetario internazionale che aumentano lo sfruttamento e impongono relazioni coloniali , incoraggiano le disuguaglianze e asimmetrie sociale dello sviluppo , e cerca di istituzionalizzare e perpetuare il processo di approfondimento dell'unione economica e monetaria .

Queste politiche spianano la strada al nazionalismo reazionario , al razzismo e alla xenofobia , alla rinascita di forze di destra e fasciste che furono sconfitte dalla lotta dei popoli nel XX secolo .

La politica della UE conferma le sue ambizioni ad essere un blocco imperialista politico - militare , subordinato alla NATO e , di conseguenza ,come gli Stati Uniti , promuove il militarismo , la corsa agli armamenti , ed è caratterizzata da un atteggiamento di dominio sul mondo , come testimoniano i loro specifici tipi di accordi commerciali , le interferenze e le operazioni di aggressione contro paesi sovrani e il recente accordo transatlantico sul commercio e gli investimenti firmato tra gli Stati Uniti e l'UE .

Sul tema delle questioni ambientali e di sviluppo sostenibile l' UE promuove politiche che cercano di aumentare i benefici dei grandi gruppi economici sacrificando una potenziale soluzione della crisi ambientale stessa.

La UE le cui politiche hanno come fine la deregulation economica e finanziaria ha strutturato, come mezzi atti allo scopo, i suoi vari trattati, il " Patto di stabilità " , la " 2020", sui gradini della " governance economica " nelle linee guida del " semestre europeo " e più recentemente nel pacchetto fiscale.

Siamo profondamente convinti che il corso che si sta imponendo sulla classe operaia e sui popoli sia assolutamente evitabile . Come mostrato nella realtà di altri continenti , i processi di cooperazione e la progressiva integrazione della natura sono possibili , rispettando i diritti e le aspirazioni del popolo.

Noi affermiamo che un diverso percorso è possibile per l'Europa. Il primo passo in questa direzione è una rottura profonda con le politiche della UE , il neoliberismo e il militarismo e la concentrazione e centralizzazione del potere nelle mani del grande lobby di potere.

Per un'Europa della cooperazione , del progresso sociale e della pace !
I comunisti, progressisti , anti- capitalisti , anti- neoliberali , ambientalisti e forze di sinistra che sostengono questo appello considerano le prossime elezioni al Parlamento europeo , il prossimo maggio, come un'occasione importante per dare voce alle lotte dei lavoratori e delle lavoratrici di tutta l'UE , per affermare la necessità e la possibilità di un'Europa di cooperazione ,che metta i lavoratori e e i popoli, e non i grandi interessi economici, al centro delle sue politiche e con essi il progresso sociale, la pace, l'uguaglianza, la promozione dell'ambiente, la democrazia e la solidarietà.

La storia dell'Europa dimostra che i lavoratori e le lavoratrici e i popoli possono , attraverso la loro lotta, sconfiggere un grande pericolo e condurre a progressi talvolta persino rivoluzionari , alcuni dei quali ancora segnano la realtà del nostro continente .

Oggi , ancora una volta , la lotta di massa è decisiva , in difesa dei diritti sociali e del lavoro ,della democrazia e della sovranità ;determinante per profondi cambiamenti di tipo anti- imperialista e anti-monopolista; decisiva sulla strada della costruzione di nuove collaborazioni per il progresso, la pace e la giustizia sociale . Come in altre parti del mondo , così i popoli in Europa, stanno intensificando la loro resistenza e la lotta stanno costruendo alleanze e solidarietà , cercando di garantire il percorso di trasformazione sociale .

Invitiamo i lavoratori , i giovani, le donne e in generale ai popoli degli Stati membri dell'Unione europea a prendere nelle prossime elezioni per il Parlamento europeo , espressione elettorale alle lotte intense che si combattono , condannando quelli che sono responsabili per le politiche antisociali e antidemocratiche dell'UE e sostenere chi , come i firmatari di questo appello , sono accanto a loro nella lotta , per dare voce in Parlamento alle loro aspirazioni, richieste e proteste , e che rappresentare una reale alternativa per l'Europa .

Un'altra possibile direzione per l'Europa ! Attraverso la lotta e la solidarietà che uniscono tutti coloro che, in ogni paese d'Europa e, insieme , lavorare , agire e lottare per la trasformazione progressista e rivoluzionaria della loro società e per una alternativa al capitalismo .

In questo senso , le forze che firmano questo appello si impegnano a continuare a lottare per :

Cooperazione in tutta Europa per i diritti sociali , che valorizza il lavoro e le persone che lavorano , i diritti di piena occupazione , occupazione per i giovani e la fine della migrazione economica forzata, i diritti degli anziani e bambini , difendendo i servizi pubblici e la natura pubblica e la proprietà di settori strategici e aree , al fine di garantire una vita migliore . Un'Europa che garantisce i diritti di tutti i cittadini indipendentemente dall'orientamento sessuale , un'Europa senza discriminazione contro le donne e di rispettare il loro diritto di auto- determinazione e circa la la maternità di decidere sul proprio corpo .

Cooperazione in tutta Europa per il progresso economico e sociale , la convergenza reale , sulla base di tutelare e promuovere le potenzialità di ciascun paese , in difesa dei loro settori produttivi e la sovranità e la sicurezza alimentare , sostegno alle micro , PMI , alla fine dei paradisi fiscali e la libera circolazione dei capitali e non regolamentata , in opposizione e tassazione dei movimenti speculativi di capitali nell'uso sostenibile delle risorse naturali e la tutela dell'ambiente .

Un'Europa della cooperazione tra Stati sovrani con pari diritti , rispettare e sostenere la democrazia e la partecipazione democratica , che tutte le forme di discriminazione , nazionalismo reazionaria , razzismo , omofobia , sessismo , xenofobia , sciovinismo , anti- comunismo e di altre forme di oggetti intolleranza , che respinge le misure repressive e rispetta i diritti , le libertà e le garanzie democratiche dei diritti degli immigrati e delle minoranze , la diversità culturale e identità .

Un'Europa che si batte per la pace e la solidarietà con i popoli del mondo , che rispetta la Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale - e il diritto dei popoli all'autodeterminazione - di respingere la militarizzazione delle relazioni internazionali , è a favore dell'ordine di ingerenza e di aggressione estera e di blocchi politico-militari come la NATO , per promuovere reciprocamente vantaggiosa cooperazione internazionale , sulla base di amicizia, solidarietà e un quadro europeo per la sicurezza comune di tutti i popoli Europa . Un'Europa libera dalle armi nucleari e basi militari straniere .

Verso questi obiettivi , ci siamo impegnati a continuare il lavoro di gruppo europeo confederale della Sinistra unitaria europea / Sinistra verde nordica ( GUE / NGL) al Parlamento europeo , in uno spirito di uguaglianza e rispetto reciproco delle nostre differenze , storie , esperienze e specificità nazionali . Uno spazio di cooperazione che valorizza quanto che ci unisce nella lotta per un'altra Europa .

Affermiamo il nostro gruppo parlamentare come area di cooperazione confederale, con una propria identità , tra le forze comuniste , del lavoro, progressista , di sinistra e gli ambientalisti , che hanno l' obiettivo comune di dare voce in Parlamento alle lotte dei lavoratori e popoli, reclamare , proporre e difendere alternative a quelle che vengono svolte dal diritto e della democrazia sociale , e dare espressione e contenuto alla lotta per una direzione politica diversa per l'Europa.

Firmando questo appello , ci impegniamo a sostenere questi obiettivi e linee guida. Il più forte che stiamo , il più forte saremo in lotta per un'Europa di cooperazione , il progresso sociale e la pace.

 

(trad. it. Antonella Frustaci)

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi