Giovedì 21 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento 21:09
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Angelo Mai, sulle intercettazioni Nieri si difende: "Tutto trasparente". Solidarietà Prc Roma
"'Chi amministra e' chiamato ad assumere decisioni e talvolta a forzare la mano. E' un dovere per chi intende la politica come un servizio alla collettivita' e crede nella giustizia sociale”. Sono le parole del vicesindaco di Roma Luigi Nieri dopo che qualche quotidiano della Capitale ha pubblicato alcune intercettazioni telefoniche rispetto a un colloquio con gli occupanti dell’Angelo Mai, sgomberati e indagati qualche settimana fa. Dalle intercettazioni non esce nulla di compromettente se non un forte interessamento alla vicenda da parte di Nieri. "Come e' evidente, non c'era bisogno di pubblicare le conversazioni private che ho avuto con un'attivista dell'Angelo Mai – aggiunge Nieri - nei giorni degli sgomberi del centro culturale e delle due palazzine occupate di via delle Acacie e via Tuscolana, bastava scorrere i miei comunicati stampa e leggere le mie riflessioni".

E insiste: "Non c'e' alcuna differenza fra le mie conversazioni private e le mie dichiarazioni pubbliche, perche' il mio atteggiamento e' sempre stato coerente con le mie convinzioni e il mio credo politico". Spiega Nieri: "Dalle intercettazioni pubblicate si evince una cosa soltanto, che sono un uomo di sinistra dentro e fuori le istituzioni, ma non credo che si tratti di una notizia esclusiva, e' cosa nota da oltre 40 anni - Nieri aggiunge – il mio numero di cellulare ce l'hanno tutti, perche' sono un amministratore vicino alla gente e sono sempre a disposizione di chi ha problemi e affronta difficolta'. E' cosi' che interpreto anche il mio ruolo di vicesindaco di Roma, mi faccio mediatore dei conflitti sociali, perche' e' mio preciso dovere”.

Solidarietà a Nieri è stata espressa dal Prc. In una nota, il segretario romano di Rifondazione comunista Claudio Ursella parla del vicesindaco come di un'amministratore che ha sempre svolto il suo ruolo “con sensibilità e attenzione alle problematiche e alle emergenze sociali, e con cui in altri momenti abbiamo condiviso militanza politica e percorsi di lotta”. “La magistratura non ha per noi nessun segreto da svelare – aggiunge Ursella - perchè anche se oggi abbiamo diverse collocazioni politiche, essendo il PRC all'opposizione di questa giunta, sappiamo che Luigi non ha mai avuto nulla da nascondere a chi in questa città si impegna a difesa dei più deboli e per un nuovo modello di città”.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi