Mercoledì 05 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 08:32
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Sel "il tramonto di un'avventura immaginaria"
Karl Marx amava, nella sua passeggiata domenicale verso le alture londinesi di Hampstead, leggere e declamare Dante. “Segui il tuo corso, e lascia dir le genti”. Questo famoso verso del gran fiorentino rafforza il suo disinteresse verso la superficialità della opinione pubblica e chiude la prefazione alla prima edizione del 1867 aprendo la trattazione del libro I de “Il Capitale”: la merce, lo scambio, il denaro….

Marx, togliendosi dalla chiacchiera, si volge a ciò che è reale, che hegelianamente è anche razionale, cioè già illuminato da altri studi ma anche da “pratiche” (sociali e politiche) di uomini in carne ed ossa. Al contrario, lo spazio mentale di SEL, che in compendio, come il Bignami, riassume tutti i mali della sinistra anti-marxiana, è di volgersi all’inverso dal reale all’immaginario soggettivo, al dir delle genti.

In questi anni a partire dall’aver visto una “cosa” (un osso? un sasso?) di Occhetto, la mente di tutta l’ “intellighenzia” di sinistra, moderata o radicale, ha avuto questa fortissima inclinazione soggettivista, tanto evidente nella retorica assai demagogica del “dobbiamo fare” e di tutta la declinazione dei verbi di volontà a fronte di un’analisi infantile e manichea della realtà ridotta a “il grande male è Berlusconi”.

Di questo schema agostiniano (il problema dell’origine metafisico, a-storico, del male) SEL -cioè la fase suprema del pensiero antidialettico – è la sublimazione, il prodotto perfetto.

A differenza dei più prosaici cugini del PD, che non avendo alcuna ambizione critica erano consapevoli di usare l’argomento Berlusconi per intorpidire il popolo – uso ideologico – tant’è che hanno sempre spartito insieme a lui (al male) quel che c’era da spartire e poi, adesso, alla “prosa della prosa”, ci fanno direttamente governi e accordi, i poeti dell’ecologia e della libertà hanno tanto creduto a quello schemino che ci hanno costruito su un mondo intero: quello abitato da omofobi, stupratori, fascisti e maleducati, mutatis mutandis simile a quello securitario narrato dalla destra fatto di immigrati, zoccole, comunisti e scippatori (non organizzati in cosche).

Dentro questo mondo senza tempo, perché senza attinenza ai processi generativi di inumanità e senza lo spazio del dominio del Capitale sugli uomini, dentro questo mondo inerziale è stato possibile disegnare una manfrina politica moralistica, fatta di diritti individuali, di cultura della diversità promossa omogenea, di legislazione speciale spettacolare (es. il femminicidio). Insomma baloccarsi, questo sì, nell’anti-politica, nell’azione assolutamente inefficace perché già nelle corde della “compiuta peccaminosità” capitalistica, come chierici del relativismo che permette già tutto.

Nel suo senza tempo storico, SEL ha imbambolato e fissato gli eremiti di una rivoluzione che fu, al fu, alla società patriarcale, mentre il mondo è senza famiglia come attestano i meninos de rua, i bjesprizorniki ucraini, l’abbandono dei bambini di strada, oppure alla vigilanza antifascista nel mondo della compiuta liquidazione oligarchica della democrazia.

Soprattutto questa modalità soggettivistica-agostiniana di guardare all’indietro il mondo ha finito per obliare lo spazio del popolo nella sua condizione materiale, fatta di lavoro sempre sofferente anche quando c’è, e disprezzare la sua cultura passionale, spesso irrazionale ma riflessa misura dello sfruttamento.

Nel bon ton della Boldrini come nell’impegno a contrastare il populismo c’è tutta la cifra di questo distacco, mentre la frequente locuzione vendoliana di “dolore sociale” è apparsa più chiara quando si è dipinta sui volti preoccupati dei dirigenti eletti, “addolorati” per la perdita di poltrone e di reddito.

Era inevitabile il tramonto di un’avventura immaginaria. Rimane la realtà complessa nel suo farsi e da studiare sulle tracce di Marx.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi