Martedì 23 Ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento 18:23
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Gaza, quattro bambini colpiti in pieno su una spiaggia dai bombardamenti israeliani
La sporca guerra di Israele a Gaza si è “fregiata” di un ambitissimo trofeo contro il terrorismo! Quattro bambini palestinesi sono stati uccisi nel corso degli attacchi dell'aviazione israeliana. I quattro si trovavano all'interno di una capanna sulla spiaggia di Gaza City che è stata distrutta da più di un attacco dell'aviazione israeliana. Al tragico bombardamento hanno assistito anche dei giornalisti dell'Afp che risiedono in un hotel situato a circa 200 metri dalla spiaggia.

Nel nono giorno dell'offensiva Margine Protettivo, il bilancio dei morti e' arrivato a 208, con oltre 1.550 feriti (in uno degli ultimi raid e' morto anche un ragazzino di 10 anni). Nella notte Israele ha bombardate le case di vari capi di Hamas e della Jihad, in gran parte vuote. Dalla Striscia sono partite nuove raffiche di razzi, almeno sei intercettati da Iron Dome nei cieli di Ashkelon.
Come sottolinea “Save the children”, tra le vittime della nuova escalation di violenze a Gaza, "una su cinque è un bambino" e "questo numero continuerà a crescere sino a quando non verrà siglato un accordo di lunga durata che garantisca sia ai bambini palestinesi che a quelli israeliani di poter vivere senza rischi per la loro vita". Su quasi duecento vittime ben 150 sono civili.
Secondo David Hassel, co-direttore di Save the children, si stima che almeno 25 mila bambini avranno bisogno di aiuto sostegno psicologico per affrontare il trauma che stanno vivendo. Migliaia di persone sono state temporaneamente sfollate dalle loro case, togliendo ai bambini il senso di sicurezza dato dalla famiglia, ha insistito ancora la ong.

L'organizzazione ha esortato tutte le parti in conflitto a mettere urgentemente fine alla violenza, prima che altri civili innocenti siano feriti o uccisi, o costretti a vivere nella paura di esserlo. "Oltre al cessate il fuoco, solo un accordo negoziato tra tutte le parti in conflitto, farà la differenza nella durata della tregua e dovrà affrontare le cause a lungo termine di questo conflitto, promuovendo la dignità e la sicurezza per israeliani e palestinesi", ha insistito l'ong che ha chiesto infine la revoca del blocco di Gaza, che sta causando gravi disagi, incidendo sul benessere di tutti i bambini e le loro famiglie.

Su questa ennesima atrocità è intervenuto il segretario del Prc Paolo Ferrero: "Altri 4 bambini morti ammazzati in spiaggia a Gaza. Ma il governo criminale di Israele non si ferma: come giustifica queste atrocità? Il governo, l'Europa e la comunità internazionale si stanno comportando da inetti di fronte a questo massacro: vergogna! Non nel nostro nome. Per questo aderiamo e partecipiamo oggi alle fiaccolate organizzate in diverse città italiane per chiedere l'immediato cessate il fuoco".

Sul fronte diplomatico, infine, a poche ore dal rifiuto del cessate-il-fuoco da parte di Hamas, un esponente di Hamas si è recato al Cairo per colloqui con i mediatori egiziani proprio sul cessate il fuoco con Israele. Questa sera è atteso in Egitto anche il presidente palestinese Abu Mazen, che ha in agenda un colloquio con l'omologo Abdel Fattah al Sisi prima di proseguire per Ankara, in Turchia.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi