Lunedì 15 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento 21:17
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
FRANCIA: IL “NUOVO” GOVERNO; LA FINANZA AL TIMONE

Pubblichiamo il comunicato del Npa sul “nuovo” governo Valls che ha tra le più spiccate novità la nomina al ministero dell’economia e dell’industria di Emmanuel Macron, liberista rampante, già banchiere alla Rothschild.

Manuel Valls ha formato un secondo governo, nell’essenziale in continuità con il primo, con lo scopo di applicare in modo più chiaro e coerente la linea intrapresa da Hollande fatta di patto di responsabilità, di competitività e il cui risultato principale è un rialzo del 30% dei dividendi degli azionisti del CAC 40 (Indice Borsa di Parigi).

Immediatamente Pierre Gattaz (Presidente confindustria francese) ha espresso la sua soddisfazione. Indicativa è stata la nomina al ministero dell’economia e dell’industria di Emmanuel Macron, ispettore delle finanze, ex banchiere della banca Rothschild e ispiratore del patto di responsabilità. Per il resto non cambia quasi nulla. Siamo di fronte ad un governo di lotta che perseguirà e amplificherà la politica di austerità, di distruzione sociale, di scontro contro coloro che la respingono e la combattono. Anche alcuni deputati del Partito socialista hanno espresso qualche avversità: con un banchiere al comando la realtà della politica di Hollande si rivela sempre di più in tutta la sua evidenza. Sarà sempre più difficile assumerla davanti all’elettorato popolare. Ma questa politica non sarà sconfitta unicamente nelle discussioni parlamentari, né dalla riproposizione su qualsiasi forma di una strategia di unione della sinistra né da un inconsistente progetto di sesta Repubblica. Il rischio maggiore è che solo l’estrema destra tragga beneficio da questa farsa. Per queste ragioni, più che mai si impone la necessità di costruire un’opposizione sociale e politica e la mobilitazione contro questa politica di regressione sociale. Per questo l’Npa propone a tutte quelle e quelli che rifiutano questa politica di costruire in fretta questa mobilitazione nel momento in cui si presenterà il prossimo voto sulla finanziaria di austerità.

Port Leucate, 27 agosto 2014.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi