Venerdì 24 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 22:08
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Legge di stabilità, lavoratori Usb in corteo da palazzo Vidoni a Montecitorio contro l'aumento farsa. In arrivo lo sciopero generale per il 20 novembre. Il servizio di www.radioredonda.it
Oltre 800 fra delegati e lavoratori di tutti i settori della P.A., giunti a Roma da tutta Italia, hanno riempito o
prima piazza Vidoni a Roma e poi in corteo hanno raggiunto Montecitorio per protestare contro l legge di stabilità. Mentre erano ancora in arrivo i pullman da Campania e Toscana organizzati da Usb i lavoratori hanno deciso di andare sotto le finestre di Governo e Parlamento. Presenti tanti Vigili del Fuoco, oggi in sciopero per rivendicare risorse, mezzi, assunzioni dei precari e per dire no allo smantellamento dei distaccamenti. Unica assente, il ministro Madia, che non si è fatta trovare al ministero nonostante la richiesta di incontro avanzata dall’USB P.I. in occasione dell’iniziativa.

Al centro dell’assemblea, gli aumenti farsa per i contratti previsti dalla Legge di stabilità: 8 euro medi lordi al mese che rappresentano un insulto a tutte lavoratrici e lavoratori pubblici, rimasti 6 anni senza contratto. L’assemblea deciderà le iniziative di lotta da mettere in campo, anche in relazione al continuo taglio dei servizi, la sottrazione di risorse alla Sanità, la trasformazione delle scuole in imprese private, la mancata perequazione delle pensioni sanzionata dalla Corte Costituzionale, la chiusura di uffici pubblici territoriali e la messa in mobilità di decine di migliaia di lavoratori, a cominciare da quelli delle Province e della Croce Rossa.

Potrebbe essere deciso, come annuncia nell'intervista a www.radioredonda.it Luigi Romagnoli lo sciopero generale per il 20 novembre.   

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi