Giovedì 21 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento 07:31
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Ecco come Renzi ha reintrodotto la depenalizzazione del falso in bilancio del 3%, la famosa norma "Salva Berlusconi"
"Un vergognoso e inaccettabile regalo agli evasori". E' tranchant il giudizio del segretario confederale della Uil, Domenico Proietti sulla norma che eleva da 50mila a 150mila euro l'importo dal quale scatta il processo penale e la non punibilità di dichiarazioni che differiscono del 10%. "Con i decreti attuativi della delega fiscale il Governo ha perso l'occasione di realizzare una vera riforma tributaria a cominciare da un robusto taglio delle tasse che continua ancora a rimanere solo un periodico annuncio", spiega."Ora al danno, però, si aggiunge la beffa di un incredibile regalo agli evasori fiscali. La scelta rappresenta un intervento che incentiva invece di combattere l'evasione fiscale", prosegue Proietti, ricordando quanti tra lavoratori ed pensionati "prima pagano le tasse e poi prendono lo stipendio e la pensione".

Pollice verso anche dal capogruppo di Sel Arturo Scotto,secondo cui il governo Renzi si rende protagonista dell'ennesimo colpo di spugna. "Così facendo il governo incentiva invece di combattere l'evasione fiscale - sottolinea Scotto - Una scelta sbagliata che impedisce di recuperare risorse necessarie al rilancio dell'economia ma, soprattutto, una scelta insopportabile per quei cittadini che hanno sempre pagato le tasse e a cui lo Stato non ha mai riconosciuto niente".

C’è il forte sospetto, insomma, che il Governo ha voluto reintrodurre quella norma sui reati legati al falso in bilancio che non riuscì a far passare alcuni mesi fa. Nella versione odierna della norma fare delle classificazioni o valutazioni non corrette degli attivi e passivi non è reato, a patto che vengano descritti, magari avvalendosi di bravi consulenti, i criteri utilizzati nelle scritture contabili. Se, però, un imprenditore disonesto fanno notare i parlamentari del Movimento 5 stelle decide di evadere e mette appunto, in modo doloso ma efficace, delle scritture contabili gonfiate o ridotte, non deve egli essere considerato un frodatore? Scrivere delle cose false non dovrebbe essere comunque una frode?. I parlamentari del Pd si giustificano sostenendo che non si può incriminare una persona se fa una valutazione non corretta, perché‚ la valutazione è comunque una stima ed è in qualche modo arbitraria. Poi aggiungono che la descrizione dei criteri utilizzati per quella stima è già sufficiente a giustificare qualsiasi panzana scritta in bilancio”. Quindi il falso in bilancio, proseguono i parlamentari dell’M5S già ri-depenalizzato da Renzi, ora non comporta nemmeno la frode fiscale, né tantomeno il reato di dichiarazione infedele". Il governo,comunque, è andato oltre e ha inserito un comma 1 ter all'articolo 4 del decreto legislativo 74/2000 in cui si dice che, ad ogni modo, se la valutazione si discosta dal reale, in eccesso o in difetto, di non oltre il 10%, non bisogna nemmeno esplicitare i famosi criteri delle scritture contabili. Qualsiasi valutazione non corretta è ammessa purché‚ falsa nel limite del 10% - concludono - Ma una scrittura contabile che si discosta dalla realtà per quella percentuale, se inserita poi ad esempio come perdita nell'imponibile, potrebbe portare a una riduzione delle tasse di circa il 10%. E quindi, orientativamente, darebbe vita a un risparmio fiscale pari al 3% del reddito. Esattamente quello che Renzi cercò di far passare a Natale.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi