Venerdì 24 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento 21:24
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Rompere il leit motiv de "i soldi non ci sono". Intervista a Domenico Moro (audio)
"I soldi ci sono". E' questo il titolo dell'iniziativa del Prc di Roma, che si è tenuta sabato scorso in via Galilei a Roma. Un appuntamento di rilievo che è servito, grazie alla relazione dell'economista Domenico Moro, a "destrutturare il debito", soprattutto al livello locale. In questa intervista Moro fornisce gli elementi per una esatta valutazione della situazione da un punto di vista economico. Qui, l'intervento di Claudio Ursella, segretario del Prc di Roma. 

Il bilancio di Roma Capitale è un esempio abbastanza tipico di un "percorso" che parla di un accanimento da parte dello Stato centrale che da una parte taglia i trasferimenti e, dall'altra, impone un aumento delle tasse locali. Uno nodo scorsoio che va reciso quanto prima. Ovviamente, il debito è il convitato di pietra nella prossima tornata elettorale. Convitato di pietra di cui nessuno parla, tanto meno il Pd, impastoia oltre che nella lotta intestina nel fantasma di quel progetto di metropoli di cui la città avrebbe tanto bisogno. L'ottica di una competizione politica tutta basata sul tema dell'argine contro il M5S di fatto blocca ogni serio confronto sul merito.

Nel frattempo le contraddizioni non si possono nascondere. Il Governo di Roma è di fatto in mano a Renzi, e l'attacco verso alcune figure sociali delle ultime settimane proprio per i tagli alla scuola (lotta delle maestre) e la valorizzazione del patrimonio (sgomberi degli spazi sociali) parla di una vera e propria emergenza. Da qui la valutazione del segretario del Prc Claudio Ursella: "Le elezioni saranno solo una tappa nella crisi di questa città". 
E' inevitabile quindi la scelta di campo su una progettualità economica che necessariamente deve andare a toccare precisi e consolidati interessi. Interessi importanti che nella crisi, ovviamente, si stanno posizionando su una linea di forte difensiva.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi