Lunedì 20 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento 12:28
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Il Parlamento europeo approva il Ceta. Manifestazione dei movimenti: "Affondate il Ceta, non la Giustizia"
Il trattato per il libero scambio tra l'Unione Europea e il Canada e' stato approvato oggi dal Parlamento dell'Ue. In favore dell'accordo si sono espressi 408 deputati. Duecentocinquantaquattro i contrari e 33 gli astenuti.

Stamane molte persone a Strasburgo hanno manifestato per denunciare che il Ceta consentira' alle multinazionali il potere
di citare in giudizio i governi e minacciare le norme che proteggono l'ambiente, la salute pubblica e i diritti sociali. E anche per smentire ciò che si va raccontando a proposito di presunte effetti miracolistici sul mercato del lavoro. Un centinaio di attivisti hanno protestato fuori dall'edificio. Tra i manifestanti anche vari membri di Greenpeace che hanno formato catene umane nella zona di accesso dell’edificio principale, mentre altri contestatori hanno provato a bloccare l’entrata delle auto dei parlamentari.

Attivisti di Greenpeace hanno simbolicamente mantenuto a galla una statua raffigurante la Giustizia, evitandone l'affondamento nelle acque che circondano il Parlamento Europeo a Strasburgo, per denunciare la pericolosita' del Ceta e hanno aperto striscioni con la scritta "Affondate il Ceta, non la Giustizia", conclude Greenpeace.

Il voto arriva accompagnato non solo dalla manifestazione ma anche da una articolata campagna sul web nei confronti dei sostenitori del sì, voluta da sindacati e movimenti europei per dire no ad un accordo partito in sordina, fratello povero del più famoso Ttip imbastito e già naufragato con gli Usa.

Il Belgio, inoltre, sta valutando di chiedere alla Corte di giustizia europea di pronunciarsi sulla legittimita' di un controverso sistema di tutela degli investimenti- conosciuto come Investment Court System (Ics)- che grazie al Ceta permetterebbe alle multinazionali di citare in giudizio i singoli Stati, ma non consentirebbe il contrario. Se l'Ics non dovesse passare l'esame di legittimita' della Corte di giustizia europea, l'applicazione del Ceta si bloccherebbe.

«I messaggi di risposta ricevuti in questi giorni sembrano un copia e incolla di slogan propagandistici – dichiara Monica Di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia – Un tentativo maldestro di rassicurare migliaia di cittadini preoccupati, spesso ben più informati degli stessi loro rappresentanti».

Eleonora Forenza, del Gue-Ngl al Parlamento di Strasburgo, dichiara: "Sarebbe una battuta se non fosse una tragedia dire che il Ceta è la risposta progressista al populismo delle destre e al protezionismo di Trump. Voi proteggete il diritto al profitto, le multinazionali, prima delle persone. Noi vogliamo proteggere il lavoro, l'ambiente, la democrazia. Voi dite: "il Ceta creerà posti di lavoro", peccato che tutti gli studi abbiano dimostrato il contrario, e che saranno persi 230mila posti di lavoro, di cui 200mila solo in Europa. Trudeau l'ambientalista? Trudeau è colui che ha plaudito alla costruzione di un oleodotto in Usa e che si accinge a stringere accordi contrari alle direttive comunitarie. I socialisti avevano annunciato la fine della grande coalizione invece oggi possiamo vedere che la grande coalizione continua. Noi restiamo in coalizione coi cittadini e le cittadine".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi