Domenica 22 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento 11:53
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Torino, in piazza il 18 marzo contro i padroni della città: "Casa, reddito, dignità"
Manifestazione sabato 18 marzo a Torino “contro i padroni della città, casa, reddito, dignità” indetto dai movimenti di lotta per l’abitare. Il ritrovo è previsto in Piazza Carlo Felice, fronte Porta Nuova alle ore 15. All'iniziativa aderisce e partecipa il Prc.

La manifestazione, giustamente, mette a tema la necessità di rilanciare la lotta contro tutti quei poteri forti – banche, fondazioni, grandi imprese, palazzinari – che gestiscono in termini speculativi vaste porzioni di territorio e di patrimonio abitativo della città. Torino oltre ad essere una delle città con più alto indice di sfratti è anche la città con un altissimo numero di alloggi sfitti (50 mia circa) la maggior parte dei quali di proprietà di grandi società immobiliari.

Ezio Locatelli, segretario provinciale di Rifondazione Comunista, dichiara: ”in passato abbiamo denunciato l’assenza di proposte per la moratoria degli sfratti, per la requisizione delle case sfitte, per la riduzione dei canoni di locazione, per l’aumento di offerta di alloggi oltre che di altre proposte concrete per affrontare l’emergenza abitativa. Al contrario, il Comune è fautore della politica degli sgomberi, come è accaduto recentemente nel quartiere Falchera ai danni di un comitato per il diritto alla casa. Con l’amministrazione a guida M5S nulla è cambiato. Siamo nel solco di politiche volte a favorire il mercato dei grandi interessi immobiliari, le concessioni per nuovi insediamenti immobiliari e dei grandi centri distribuzione”. Sempre per Locatelli ”la lotta per il diritto al lavoro e alla casa, unitamente alla lotta contro il malgoverno passato e presente della città, rimane per noi un impegno centrale, in specie nella realtà impoverita di Torino. In questi mesi, a livello di politiche comunali, si è detto di volere cambiare tutto per non cambiare niente. Ecco perché la nostra lotta oltre che essere contro i padroni della città è anche contro le chiacchiere a vuoto né di destra né di sinistra che contraddistinguono l’attuale amministrazione comunale in materia di emergenza abitativa”
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi