Lunedì 22 Ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento 14:26
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Plan Condor, per la prossima udienza nel processo di appello del 7 novembre attesi nuovi documenti, nuovi testimoni e altre prove
Si è svolta ieri 8 ottobre la prima vera udienza per il Processo d’appello contro il Plan Condor. Nella sentenza di primo grado, emessa il 17 gennaio 2017, la Corte si era pronunciata con otto ergastoli e diciannove assoluzioni. L’appello era stato proposto, oltre che dai difensori degli imputati condannati, anche dalla Procura della Repubblica di Roma e dai legali dei familiari delle vittime per arrivare ad affermare la colpevolezza anche degli imputati assolti in primo grado. Fra questi anche l’unico non contumace, l’ex Capo dell’S2, il servizio di intelligence della Marina militare uruguaiana, l’italo-uruguaiano Jorge Néstor Tróccoli Fernández, ora residente in Italia.

Il processo d’appello si era ufficialmente aperto il 12 aprile scorso. Nell’udienza di ieri la difesa dell’Uruguay ha depositato nuovi documenti. Alcuni di questi provengono dagli archivi del FUSNA (Corpo de Fucileros Navales de l’Uruguay) di cui faceva parte anche Troccoli. Nel Fusna era installata una stanza, detta “la Computadora” dove erano rinchiusi i prigionieri che collaboravano e venivano elaborate schede sui detenuti e organigrammi dei gruppi sovversivi. Gli altri documenti depositati provengono invece dall’ESMA (Escuela Mecánica de la Armada di Argentina), tristemente noto come uno il più grande centro di detenzione illegale e tortura delle persone scomode alla giunta di Videla. Qui transitarono oltre cinquemila desaparecidos.
Sulla base di questi documenti, nella prossima udienza che si terrà il 7 novembre 2018, si chiederà lo svolgimento di una nuova istruttoria, quindi saranno probabilmente ascoltati nuovi testimoni e saranno apportate nuove prove.

Il rinvio al 7 novembre è stato comunque motivato da formalità legate a errori di notifica. È stata stralciata una posizione, quella relativa a Pedro Octavio Espinoza Bravo, il numero due della Dirección de inteligencia nacional (Dina) cilena, il cui nome è indissolubilmente legato alla cosiddetta “Carovana della morte”, che è già detenuto in Cile. È stato inoltre dichiarato il non doversi procedere per morte del reo nei confronti di due imputati, condannati all’ergastolo in primo grado: García Meza Tejada (Presidente della Bolivia dal 1980 al 1981, già condannato nel suo Paese a 30 anni di carcere per genocidio) e il peruviano Richter Prada (Primo Ministro del Perù dal ’79 all’80).

Dopo il 7 Novembre, le prossime udienze sono state fissate per il 12 novembre e 21 dicembre.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi