Mercoledì 20 Novembre 2019 - Ultimo aggiornamento 15:08
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Ancora minacce ai giornalisti. Fnsi e Ordine dei giornalisti chiedono al Governo di riaprire i dossier
Per l'ennesima volta, a Roma, in un'aula di tribunale, pochi giorni fa durante una delle udienze del processo “Mafia Capitale”, uno degli avvocati difensori degli imputati ha sferrato un duro attacco, condito da pesanti insinuazioni, nei confronti di un cronista del quale non ha pronunciato il nome, ma, come sottolineano in un comunicato la Federazione nazionale della Stampa italiana e l'Ordine nazionale dei giornalisti, "che forse potrebbe essere identificato nella persona di Lirio Abbate". "Un metodo questo, intollerante è intollerabile - continua il sindacato dei giornalisti - che si sta tuttavia diffondendo in particolare nei processi contro mafia, ‘ndrangheta e corruzione".

"Da più parti – proseguono – si tenta di ribaltare i ruoli e di portare sul banco degli imputati quei cronisti costretti a vivere sotto scorta proprio per aver illuminato i luoghi dell'oscurità". FNSI e Ordine dei giornalisti ritengono che si sia imboccata una strada pericolosa. Per questo chiederanno al ministro della Giustizia di riprendere al più presto i dossier su minacce ai cronisti e contrasto alle querele bavaglio, colpevolmente abbandonati su un binario morto nella passata legislatura, e all'Ordine nazionale forense di avviare un confronto affinché il diritto costituzionale alla difesa non diventi, come alcuni avvocati tentano di fare, "un'occasione per delegittimare il lavoro dei giornalisti, la cui attività riveste ugualmente un rilievo costituzionale stabilito dall'articolo 21 della Carta".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi