Martedì 18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento 16:26
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Venezuela, Mike Pompeo annuncia altri 60 milioni di dollari per cacciar via Maduro
Il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, ha chiuso domenica in Colombia un tour in America latina disegnato per coordinare la pressione regionale nei confronti del governo venezuelano di Nicolas Maduro. Pompeo, dopo aver rimarcato che nel corso del 2017 gli Usa hanno donato oltre 213 milioni di dollari per alleviare la crisi e che negli ultimi giorni, ha annunciato l'invio di ulteriori 60 milioni. "C'è un piano in marcia per stabilire elezioni giuste e per rilanciare l'economia", ha detto Pompeo segnalando che Washington continuerà ad usare tutte le vie diplomatiche e politiche per costringere il governo Maduro ad abbandonare il potere", ha aggiunto.

Il governo Maduro ha più volte denunciato le azioni condotta da diversi paesi vicini, sotto la regia di Usa e Colombia, per alzare il livello della tensione politica e sociale nel paese, rendendo "inevitabile" un intervento esterno diretto a sovvertire il potere "legalmente costituito" a Caracas. Una strategia alimentata dalle sanzioni economiche, dagli attacchi al sistema finanziario così come dagli "attentati" contro le centrali elettriche, individuati come causa dei numerosi blackout delle ultime settimane, e le stazioni di rifornimento idrico.

Il titolare della diplomazia Usa si è recato a Cucuta, città al confine con il Venezuela, accompagnato dal presidente colombiano Ivan Duque. I due si sono intrattenuti sul ponte internazionale Simon Bolivar, una delle principali arterie di collegamento tra i due paesi, incontrando alcuni migranti venezuelani e visitando i padiglioni nei quali vengono da settimane stipati aiuti umanitari per la popolazione oltre confine. "C'è un piano in marcia per stabilire elezioni giuste e per rilanciare l'economia", ha detto Pompeo segnalando che Washington continuerà ad usare tutte le vie diplomatiche e politiche per costringere il governo Maduro ad abbandonare il potere.

Il segretario di stato aveva aperto il suo tour regionale incontrando venerdì a Santiago il presidente cileno Sebastian Pinera. Incontro utile a ribadire la necessità di una azione di "isolamento del regime venezuelano", ha detto Pompeo. Concetto ribadito nella successiva tappa fatta ad Assunzione, capitale del Paraguay, per un bilaterale con il presidente Mario Abdo Benitez. A Lima, Pompeo si p "complimentato" con il presidente Martin Vizcarra e con i peruviani tutti per "la generosità" mostrata nell'accogliere i venezuelani in fuga dal loro paese. Il segretario di Stato ha inoltre elogiato la "attiva leadership regionale" rivestita dal Perù nel Gruppo di Lima, l'organizzazione dei paesi americani tradizionalmente ostili alla politica del presidente Maduro, e sottolineato gli sforzi realizzati dal paese andino per appoggiare il popolo venezuelano nel "recuperare la democrazia e scalzare il governo illegittimo" di Maduro.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi