Venerdì 20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento 11:25
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Pensioni, una manifestazione nazionale sabato 1 giugno in piazza del Popolo a Roma indetta da Cgil, Cisl e Uil. Ma in campo c'è anche il fisco
Una manifestazione nazionale sabato 1 giugno in piazza del Popolo a Roma e prima tre assemblee il 9 maggio a Padova, Roma e Napoli. Così i sindacati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil annunciano l'avvio della mobilitazione dei pensionati per protestare "contro la totale mancanza di attenzione nei loro confronti da parte del governo", che si è "mostrato del tutto sordo" alle loro richieste. "L'unica misura messa in campo - denunciano - è stata quella del taglio della rivalutazione" delle pensioni. 

“È urgente una vera riforma fiscale per alleggerire il carico su lavoratori e pensionati, ma la flat tax è la versione peggiore poiché complica ulteriormente il sistema, e non garantisce giustizia ed equità”, dice, in una nota, la Cgil Nazionale. “Il Governo, dopo la prima ipotesi che prevedeva un’aliquota al 15% fino a 80mila euro e al 20% per i redditi superiori, con un costo di oltre 59 mld, sembra aver virato - evidenzia la Confederazione - verso una mini flat tax sul reddito familiare, con un’unica aliquota al 15% e con un costo di 15 mld”.

Una misura quest’ultima comunque “iniqua” perché, come dimostra la Cgil attraverso alcune stime: “un’aliquota del 15% uguale per tutti, basata sui redditi dei nuclei familiari, e non più personali, da zero a 50mila euro comporterebbe che una famiglia con due redditi, entrambi inferiori a 20mila euro, non avrebbe alcun vantaggio, mentre una famiglia con un reddito di 40mila euro derivante da un unico percettore, avrebbe un vantaggio di oltre 5mila euro”. Inoltre, sottolinea la Cgil “la cancellazione degli oneri detraibili porterà ad
una diminuzione di spese ‘virtuose’ e degli incentivi alla fatturazione. La mini flat tax - prosegue - produrrà uno svantaggio notevole per i secondi percettori di reddito, in gran parte donne che, a causa del reddito del marito, finirebbero per pagare imposte più alte e sarebbero quindi disincentivate a lavorare”. “Crediamo - aggiunge il sindacato di corso d’Italia - che per rendere il sistema fiscale più progressivo e più giusto sia indispensabile diminuire l'Irpef per lavoratori e pensionati attraverso l'aumento delle detrazioni, premiando così le categorie che da sempre pagano le imposte fino all'ultimo euro. Per questo motivo, assieme a Cisl e Uil, chiediamo al Governo di convocare un tavolo per discutere seriamente di come riformare il sistema fiscale, un tema troppo rilevante per essere trattato senza confrontarsi con le parti sociali”, conclude la Cgil.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi