Martedì 16 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento 21:17
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Rete Città in comune, impegno prioritario contro la "secessione dei ricchi"
Impegno prioritario contro la "secessione dei ricchi", rappresentata dal cosiddetto regionalismo differenziato, una presenza coordinata e cooperativa negli enti locali e nei territori, ma anche rilancio di campagne, convegni, confronti diffusi nel paese. Queste le indicazioni che provengono dalla Rete delle Città in Comune dopo l'assemblea nazionale tenutasi ieri a Firenze per "una Rete più forte. Per una agenda politica radicale e di sinistra", come riporta un comunicato. "Giustizia sociale ed ambientale, difesa del territorio e dei beni comuni contro il partito della rendita e della speculazione, casa e lavoro, politiche fiscali fortemente progressive, contrasto ai decreti sicurezza - si legge nel testo - saranno i temi messi al centro dell'agenzia per l'autunno della Rete, dando così un proprio contributo nella costruzione di una opposizione politica e sociale a questo Governo, a partire dai tanti laboratori diffusi in tutto Italia". "Un municipalismo diffuso, concreto e protagonista che per le proprie proposte è alternativo alle destre e a questo governo, ma anche al cosiddetto centro sinistra, che al dilagare della destra ha aperto, con il proprio agire, la strada", si legge ancora nella stessa nota in cui si elencano alcuni dei punti fondamentali emersi dalla assemblea nazionale che auspica "una Rete più diffusa e più forte, capace di mettere in campo già dal prossimo autunno campagne, iniziative, battaglie negli enti locali, non slegate ma capaci di dare una visione unitaria e riconoscibile nella sua alterità e radicalità".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi