Venerdì 24 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 22:08
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Grande partecipazione al corteo di solidarietà con Nicoletta Dosio. Prc: "Il movimento di lotta non si arresta"
Il corteo, a cui si stima abbiano partecipato almeno 15000 persone, si è snodato dietro lo striscione “Partigiane della terra e del futuro – Notav” per tutta via Cernaia da piazza Statuto fino a piazza Castello dove si sono tenuti i discorsi finali. 

Uno dei momenti più emotivamente partecipati è stato il ricordo dei martiri antifascisti in piazza XVII dicembre, con la lettura dei nomi dei dieci sindacalisti trucidati tra il 18 ed il 19 dicembre 1922.

Nel corteo erano presenti, oltre alle bandiere NOTav, quelle dei partiti politici e delle organizzazioni storicamente solidali con il movimento e rappresentanti dei movimenti contro le grandi opere nella varie parti d’Italia; inoltre l’aspetto ecologico della battaglia Notav è stato sottolineato più volte come l’ideale saldatura tra le lotte in valle e la lotta contro i cambiamenti climatici.

 “Siamo stati presenti– sostengono Maurizio Acerbo e Ezio Locatelli, rispettivamente segretario nazionale provinciale Prc-Se, presenti alla manifestazione - in solidarietà a una compagna che è stata in tanti anni in prima fila nelle lotte ambientali e sociali del Paese; siamo stati presenti come parte integrante di un movimento che ha avuto il merito di portare avanti una battaglia contro un’opera inutile, affaristica, dissipativa di risorse pubbliche. Nel chiedere che sia data piena libertà a Nicoletta chiediamo che la stessa cosa sia fatta nei confronti di quanti sono stati ingiustamente arrestati per aver partecipato a proteste notav. Le lotte sociali non si arrestano soprattutto se portate avanti in difesa dell’ambiente, della salute e dell’interesse pubblico di una comunità e dell’intero Paese”. Il Prc, tramite il vicepresidente della Sinistra Europea Paolo Ferrero, oggi a Berlino per un incontro della Sinistra Europea, si è attivato per una iniziativa a livello di parlamento europeo perché sia ridata libertà a tutti i notav.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi