Martedì 07 Aprile 2020 - Ultimo aggiornamento 19:16
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
La lettera di Nicoletta Dosio: "È il momento di essere lucidi e irriducibili, di mettere in pratica il coraggio e la tenerezza che abbiamo imparato nei giorni indimenticabili delle Libera Repubblica della Maddalena"
Care Compagne e Compagni,
le vostre voci che in questi giorni sono giunte fino a me, portate dall'allegro
scoppiettio dei fuochi d'artificio, e che entrano ogni giorno nella mia cella
con lettere e telegrammi, sono il segno che il Movimento NoTav non lascia
solo nessuno, che il "si parte e si torna insieme" non è soltanto un efficace
slogan, ma un grido reale di lotta generosa e fraterna.
Quelle cascate di stelle multicolori nella notte di Capodanno, alte sulle mura
del carcere, erano un ponte capace di legare a voi non solo me, ma Giorgio,
Mattia, Luca e anche Turi, geograficamente lontano, ma vicino nella bellezza
e nella verità delle ragioni che ci accomunano.
E ho sentito più che mai vicine le nostre ragazze e i nostri ragazzi rinchiuse
nel carcere domestico, i tanti che non possono tornare in Valle o percorrerla
a causa dei fogli di via, i costretti alla firma quotidiana, i sottoposti a
sorveglianza speciale, i multati con salate sanzioni pecuniarie...
Anche le altre detenute stavano alla finestra, consapevoli che quel saluto
luminoso era anche per loro, da parte di una collettività solidale di cui
cominciano a chiedermi e imparano a conoscerne la storia e le ragioni.
Sappiamo che non c'è più tempo. Bisogna agire qui e ora per evitare la
catastrofe sociale e ambientale, "ridestando i morti e ricostituendo
l'infranto" che la follia del capitale lascia dietro di sé "nella quotidiana
dimostrazione e saccheggio che esso chiama "progresso".
È il momento di essere lucidi e irriducibili, di mettere in pratica il coraggio e
la tenerezza che abbiamo imparato nei giorni indimenticabili delle Libera
Repubblica della Maddalena, un'esperienza che ci ha creato legami
indissolubili da ogni parte del Paese, anzi, del mondo.
La solidarietà che può salvarci è quella che sa farsi coscienza critica,
ribellione attiva al sistema di cui la mia vicenda non è che la cartina di
tornasole: il tribunale che impugna le bilance della legge è l'altra faccia della
guerra all'uomo e alla natura.
Quella guerreggiata con le armi contro i "popoli di troppo", con le ruspe
contro i territori destinati ad essere corridoi di traffico per merci, capitali,
grandi sporchi interessi; con la guerra tra poveri contro la solidarietà che fa
vivere con manganelli, lacrimogeni e manette contro le popolazioni che, in
nome del diritto alla vita e all'autodeterminazione, alzano le barricate della
resistenza e del conflitto.
In realtà l'unica colpa imputabile al Movimento No Tav è un grande merito:
"veder chiaro nella notte" l'agire di conseguenza.
Le nostre imputazioni sono i nostri meriti: per questo ho deciso di non
piegarmi al tribunale che mi condanna, di non chiedere sconti di sorta. La
mia carcerazione non è che l'atto finale, sancito dai tre livelli di giudizio che
hanno derubricato a reato una giusta e doverosa protesta sociale,
decretando anni di carcere non solo a me, ma a ragazze e ragazzi, i migliori
dei nostri giovani.
Ora, chiusa in questa cella, tocco con mano l'ingiustizia e l'inutilità del
carcere, la cui unica vera funzione è quella del controllo sociale, sugli ultimi,
su chi non ha voce.
Non può venire riscatto dalla vendetta, dalla "pena" che proprio in quanto
tale, non ha alcuna funzione educativa.
Qui tutto è pena, deprivazione di diritti, irrazionalità, tanto più sviante,
quanto più subdola: un mondo al contrario in cui si vaga nel vuoto.
Il popolo incarcerato sogna l'amnistia: ne discutono continuamente,
chiedono notizie, parlano del bisogno di casa, di lavoro, indispensabile
comprovante della libertà. Vi è la giustizia sociale la vera alternativa al
carcere, l'unica prevenzione veramente efficace... il resto sono buone, inutili
intenzioni: poco più che parole al vento della prepotenza di sempre.
La salvezza sta nel conflitto comune di noi oppressi contro l'oppressore di
sempre.
Con amore,
Nicoletta
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi