Lunedì 30 Marzo 2020 - Ultimo aggiornamento 14:36
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Caso Cucchi, la Procura di Roma impugna la sentenza della Cassazione: "Nessuna attenuante". Ilaria: "Non posso non essere d'accordo"
La procura di Roma ha impugnato la sentenza di condanna della Corte d'Assise di Roma. Non vanno riconosciute attenuanti a Raffaele D'Alessandro, Alessio Di Bennardo e, soprattutto, a Roberto Mandolini. Lo riferisce Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, in merito alla sentenza della Corte d'Assise di Roma che ha condannato i carabinieri Di Bernardo e D'Alessandro a 12 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale ed a 3 anni e otto mesi il maresciallo Roberto Mandolini per aver contribuito a manomettere le relazioni di servizio per proteggere i suoi sottoposti. "Non posso non essere d'accordo", scrive Ilaria Cucchi sul suo profilo Facebook.
La sentenza della Corte d'Assise di Roma è arrivata nel novembre 2019, dopo dieci anni da quell'ottobre 2009, quando il 33enne fu arrestato a Roma per droga e fu restituito senza vita ai suoi familiari una settimana dopo.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi