Venerdì 30 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento 06:08
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
La scuola in piazza oggi e domani
Unicobas, Cub, Cobas Sardegna e Osa hanno indetto due giorni di scioperi e mobilitazioni della scuola e del settore educativo e scolastico, con la parola d’ordine “Curiamo la scuola”. Manifestazioni e presidi si stanno tenendo a Roma, Milano, Torino, Genova, Bologna, Firenze, Livorno, Pisa, Catania e in altri centri italiani.
Dito puntato contro "le criticità dei servizi pubblici rivolti all'infanzia e ai giovani: poco personale, scuole fatiscenti, classi 'pollaio' ma soprattutto un numero impressionante di lavoratori precari, chiamati in servizio cronicamente in ritardo, ad anno scolastico già avviato. Organici insufficienti anche per affrontare serenamente la pandemia Covid 19: dal Governo solo indicazioni generiche che scaricano responsabilità sui dirigenti scolastici. Il personale a rischio cosiddetto 'fragile' è stato di fatto abbandonato a se stesso", denuncia la Cub pubblico impiego".
"Alla protesta dei lavoratori della scuola - aggiungono i sindacati -si unisce anche quella dei colleghi dei servizi all'infanzia dei comuni: in questo inizio di anno scolastico tutti i precari con più di 36 mesi di servizio non sono stati chiamati a coprire supplenze nei nidi e materne comunali, di fatto sono stati licenziati a tempo indeterminato a causa di una farraginosa normativa che dovrebbe tutelare il lavoratore precario ma che in realtà lo fa fuori del tutto e per sempre". La Cub chiede la modifica radicale del decreto dignità e l'abolizione del Jobs Act: norme che tagliano fuori i precari della Pubblica Amministrazione per sempre. "Oggi assieme ai sindacati di base- sottolineano - abbiamo organizzato manifestazioni in tutta italia. Un chiaro segnale che vogliamo dare al Governo che deve cominciare a dare risposte ai lavoratori, agli studenti, ai precari del settore scolastico e dei servizi comunali all'infanzia. Ai Sindaci chiediamo la stabilizzazione di tutto il personale che ha superato i 36 mesi: la legge esiste basta volerla applicare. I bambini hanno diritto di frequentare la scuola in salute e serenità così pure i lavoratori devono essere garantiti con più personale e classi meno affollate. Le strutture scolastiche devono essere messe in sicurezza per tutelare chi ci lavora e studia. Il Governo deve ripartire dalla politica del lavoro certo e tutelato: i bonus hanno fallito. Bisogna dare lavoro e reddito certo a chi un lavoro non ce l'ha o a chi ce l'ha precario: solo così l'Italia può risollevarsi concretamente", concludono i sindacati. Anche gli studenti di alcune sigle sono scesi in piazza.

Intanto anche i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Gilda e Snals hanno aderito alla manifestazione di sabato dei genitori autoconvocati di «Priorità alla scuola»: si troveranno a Piazza del Popolo alle 15.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi