Venerdì 26 Febbraio 2021 - Ultimo aggiornamento 19:05
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Malcom X, la famiglia chiede la riapertura delle indagini: "In una lettera accuse di un poliziotto contro l'Fbi"
La famiglia di Malcom X rende pubblica una lettera scritta da un agente di polizia ora deceduto in cui si accusano l'Fbi e il New York Police Department di essere dietro l'uccisione nel 1965 dell'attivista afroamericano a NY. Secondo le figlie di Malcom X la missiva è una nuova prova che dovrebbe portare a una riapertura delle indagini. La lettera è a firma di Raymond Wood, ex agente sotto copertura della polizia di New York. Nella missiva Wood spiega di aver ricevuto pressioni dai suoi capi del New York Police Department affinché spingesse due membri della sicurezza di Malcolm X a commettere dei reati pochi giorni prima dell'uccisione del leader. Reati che avrebbero allontanano i due dalla gestione della sicurezza, facilitando la realizzazione del complotto del New York Police Department e dell'Fbi per uccidere Malcom X. Per l'omicidio dell'attivista sono stati accusati tre membri del Nation of islam, gruppo di afroamericani musulmani. Diversi storici però ritengono che l'accusa è ricaduta sulle persone sbagliate.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi