Venerdì 18 Settembre 2020 - Ultimo aggiornamento 21:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Bersani incontra Monti e Ingroia si candida a premier
Forse è una coincidenza, ma non è poca cosa che l'annuncio di Ingroia ad entrare in politica contro Berlusconi e Monti avvenga negli stessi momenti in cui Bersani incontra Monti.  Le  agenzie infatti danno la notizia dell'entrata in campo del magistrato con il movimento “io ci sto”  negli stessi momenti in cui riportano le frasi di Bersani che annuncia che il premier sta ora riflettendo sul da farsi e lo farà per molto. Il movimento di Ingroia illustrerà i suoi dieci punti venerdì prossimo a Roma e si pone il tema del Governo del paese. "Io ci sto" del resto è stata la frase con la quale il magistrato ha annunciato la sua adesione all'assemblea di Cambiare si può del primo dicembre, ed è lo stesso movimento al quale hanno aderito De Magistris e Leoluca Orlando. L'annuncio di un manifesto progressista di 10 punti che mette al centro l'idea di Governo con il quale incontrare le forze democratiche e della società civile è quindi finalmente arrivato, e per molti, questa scelta sembra chiudere in maniera definitiva il cerchio della lista della sinistra rosso arancione alla quale proprio oggi De Magistris ha dato il via libera dicendo che stava lavorando in questa direzione e che il tutto si sarebbe deciso questa settimana. Fra i dieci punti di Governo che contraddistinguono il programma c'è la riapertura (al punto 7) del tema art.18, lo stesso che Bersani ha definito nei giorni scorsi capitolo chiuso alla stampa internazionale.  Sembra quindi che il profilo del nuovo movimento sarà dialogante ma i temi che mette al centro,  non vedono una possibilità di dialogo con il PD, a meno che non si voglia allarmare i mercati. Disco verde alla proposta di Ingroia da parte di Di Pietro, e  dei Comunisti Italiani che rientrano così in pista. Ok anche da parte di Ferrero del Prc. "Con l'appello 'Io ci sto' di Ingroia - ha affermato Ferrero- la costruzione del quarto polo fa un ulteriore passo in avanti e sta diventando realtà: si parte! Rifondazione Comunista lavora per aggregare in questo quarto polo tutte le realtà che si sono opposte alle politiche del rigore di questo governo - a partire dalle oltre 10.000 persone che hanno partecipato in questo week end alle assemblee di "Cambiare si può" - e il quarto polo sarà la vera novità delle prossime elezioni. Infatti non si tratta solo di cambiare il presidente ma di cambiare indirizzo politico, uscendo decisamente dalle politiche del rigore che ABC hanno appoggiato, aggravando pesantemente la crisi e le diseguaglianze sociali nel nostro paese. Per questo - conclude - saremo venerdì 21 a Roma al teatro Capranica per l'assemblea 'Io ci sto'".

Ecco, intanto, i dieci punti di "Io ci sto!".

1) Vogliamo che la legalita' e la solidarieta' siano il cemento per la ricostruzione del Paese.

2) Vogliamo uno Stato laico, che assuma i diritti della persona e la differenza di genere come un'occasione per crescere

3) Vogliamo una scuola pubblica che abbia sia per gli insegnanti che per gli studenti il criterio del merito, con l'universita' e la ricerca scientifica pubbliche non sottoposte al potere economico dei privati e una sanita' pubblica con al centro il paziente, la prevenzione e il riconoscimento professionale del personale medico e infermieristico

4) Vogliamo una politica antimafia nuova che abbia come obiettivo ultimo non solo il contenimento, ma l'eliminazione della mafia, e la colpisca nella sua struttura finanziaria e nelle sue relazioni con gli altri poteri, a cominciare dal potere politico

5) Vogliamo che lo sviluppo economico rispetti l'ambiente, la vita delle persone, i diritti dei lavoratori e la salute dei cittadini e la scelta della pace e del disarmo sia la strada per dare significato alla parola "futuro". Vogliamo che la cultura sia il motore della rinascita del Paese. 6) Vogliamo che gli imprenditori possano sviluppare progetti, ricerca e prodotti senza essere soffocati dalla finanza, dalla burocrazia e dalle tasse

7) Vogliamo la democrazia nei luoghi di lavoro e ripristinare il diritto al reintegro sul posto se una sentenza giudica illegittimo il licenziamento

8) Vogliamo che i partiti escano da tutti i consigli di amministrazione, a partire dalla Rai e dagli enti pubblici e che l'informazione non sia soggetta a bavagli

9) Vogliamo selezionare i candidati alle prossime elezioni con il criterio della competenza, del merito e del cambiamento

10) Vogliamo che la questione morale aperta in Italia diventi una pratica comune, mentre ci vogliono regole per l'incandidabilita' dei condannati e di chi e' rinviato a giudizio per reati gravi, finanziari e contro la pubblica amministrazione. Vogliamo ripristinare il falso in bilancio e una vera legge contro il conflitto di interessi.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi