Venerdì 17 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento 17:14
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Migranti, 20 maggio in piazza a Milano. Rifondazione: "Ci saremo anche noi con le nostre bandiere e con una piattaforma che dice 'Nessuna persona è illegale'"
Milano il 20 maggio sarà attraversata da una mobilitazione popolare di "Insieme senza muri". Una mobilitazione carica di speranza che mette al primo punto non solo la lotta a qualsiasi discriminazione razziale sotto ogni forma e intensità ma il superamento del quadro normativo attuale su accoglienza e cittadinanza. Si prevede una partecipazione superiore alle diecimila persone. Le adesioni, individuali, sono davvero tante. Basta andare sul sito www.20maggiosenzamuri.it per rendersene conto. (clicca qui per collegamento).

Tra le ultime adesioni quelle del senatore Luigi Manconi. "Parteciperò sabato 20 maggio insieme alle giovani e ai giovani musulmani, che rappresentano quelle centinaia di migliaia di fedeli dell'Islam presenti nel nostro Paese", dichiara. "Saro' li', accanto a Sumaya Abdel Qader, consigliera comunale a Milano, che tanto si e' spesa in queste settimane per la buona riuscita della manifestazione. E che ha aggregato, nel nome dell'accoglienza e del rispetto dei rincipi democratici e dei valori del nostro Stato, giovani donne e uomini determinati a contrastare gli allarmi irresponsabili e gli stereotipi dominanti con l'intelligenza e la volonta' di integrazione", aggiunge. "Sono convinto che anche attraverso manifestazioni di questo tipo sia possibile creare quei legami che sono indispensabili al rafforzamento della coesione sociale nel nostro Paese", conclude Manconi, che è presidente della Commissione diritti umani.

Rifondazione comunista sarà in piazza a Milano - dichiara Stefano Galieni, responsabile Migranti per il Prc - insieme a tante forze della sinsitra e dei centri sociali, alle tante associazioni di migranti. Saremo in piazza con le nostre bandiere, ma non con la piattaforma proposta dall'amministrazione comunale. Per noi vale il principio che "nessuna persona è illegale". E saremo in piazza per ribadire la nostra contrarietà alla legge Minniti-Orlando e alle politiche europee, con gli accordi con Libia e Turchia, e contro le politiche italiane che sono di segregazione. Oggi si scoprono alcuni orrori come i traffici criminali sulla pelle dei migranti, ma già quindici anni fa ci sono state indagini dei compagni e delle compagne che facevano precise denunce rimaste inascoltate. Siamo infine contro città che dicono di esere accoglienti e invece organizzano retate ogni giorno che passa, a Milano come a Roma".  

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi