Domenica 22 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento 11:53
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, domani sindacati, associazioni e forze politiche in presidio a Tor Bella Monaca contro il degrado e la violenza: "Accadono fatti preoccupanti"
Cgil di Roma e del Lazio, CISL Roma Capitale Rieti, Uil Roma Lazio, Acli Di Roma, ANPI Roma, Arci Roma e Coordinamento di Libera Roma hanno indetto un presidio per il giorno 26 luglio alle 18.00 a Tor Bella Monaca, nel piazzale antistante la chiesa di Santa Maria Madre del Redentore (via Duilio Cambellotti 18) a cui chiamano a partecipare tutte le forze democratiche: politiche, sociali, dell’associazionismo, del volontariato.

L’iniziativa vuole richiamare l’attenzione delle forze politiche e delle istituzioni locali e nazionali, della Prefettura, sui rischi per la sicurezza e per la convivenza civile a causa degli episodi di violenza avvenuti nella periferia romana ad opera di determinate forze politiche.

Questi gli episodi che si sono verificati:
- l’aggressione a Tor Bella Monaca di danni di un cittadino italiano di origini bengalese;
- a manifestazione organizzata contro i migranti al Tiburtino Terzo;
- il presidio annunciato per il 7 luglio, sempre a Tor bella Monaca, poi sospeso;
- incidenti e aggressioni, 11 luglio di fronte alla sede di ASIA USB e del PD Roma, che stava svolgendo il proprio congresso municipale
- l’aggressione ai migranti venditori ambulanti sulla spiaggia di ostia, che seguono le aggressioni a giovani delle associazioni di volontariato del medesimo territorio.

Questi episodi di violenza rappresentano fatti "che devono seriamente preoccupare tutte le forze democratiche e le stesse istituzioni", si legge in una nota.

"Inoltre si riscontrano preoccupanti contiguità - si legge ancora . tra queste formazioni protagoniste degli episodi succitati e fenomeni di illegalità, in alcuni settori, quali le occupazioni delle case popolari".

CGIL Roma e Lazio, CISL Roma Capitale Rieti, UIL Roma e Lazio, Acli Roma, Anpi Roma, Arci Roma e il Coordinamento di Libera di Roma chiedono la convocazione urgente di un tavolo per la sicurezza e la legalità della Capitale da parte della Prefettura alla presenza di Comune, Regione, Questura per porre in atto "le necessarie misure che prevengano altri episodi e garantiscano la convivenza e il rispetto delle garanzie democratiche per tutti i cittadini".


Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi