Domenica 16 Dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento 10:41
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Usa, fino al 9 settembre sarà sciopero dei detenuti: "Vogliamo condizioni di vita più umane". Immediata solidarietà dei detenuti palestinesi in Israele
E' partito il 21 agosto nelle carceri degli Stati Uniti lo sciopero nazionale carcerario iniziato il 21 agosto, per combattere lo sfruttamento, il razzismo e il capitalismo dal cuore delle prigioni imperialiste.
Lo sciopero nazionale, che durerà fino al nove settembre, è in risposta alla rivolta del Lee Correctional Institution, una prigione di massima sicurezza in South Carolina. Sette carcerati hanno perso la vita nel corso di una protesta in cui chiedevano condizioni di vita umane, accesso alla riabilitazione, riforma della condanna e fine della schiavitù. 

Immediata la solidarietà dei detenuti palestinesi in Israele. "
Salutiamo anche la vostra lotta contro il razzismo. Il colonialismo e l'imperialismo degli Stati Uniti praticano il loro feroce razzismo - si legge in una nota - sia internamente che esternamente, e il sistema carcerario riflette quella realtà. Le comunità nere, le comunità latine, le comunità arabe sono sotto attacco, affrontano un carcere di massa e un sistema che cerca di imprigionare e sfruttare piuttosto che sostenere e aiutare nella crescita giovani e anziani".

"Oggi, i detenuti sono tra i lavoratori più sfruttati negli Stati Uniti, e la stessa classe dirigente che trae profitto dalla confisca delle terre e delle risorse palestinesi e dal bombardamento dei bambini nello Yemen - continua la nota - beneficia anche del lavoro forzato dei prigionieri. La vostra lotta è una lotta operaia che fa parte del nostro conflitto globale contro lo sfruttamento vizioso che i nostri popoli affrontano oggi. Questa lotta all'interno delle carceri evidenzia le profonde connessioni tra razzismo e capitalismo e come la lotta contro di loro non possa mai essere disgiunta".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi