Venerdì 18 Settembre 2020 - Ultimo aggiornamento 21:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Chiudere i porti alle armi. I Camalli si rifiutano di diventare complici della guerra in Yemen
Stamattina a Genova è arrivata la nave Bahri Yanbu, la nave saudita che trasporta armi per la guerra in Yemen. I camalli sono entrati in sciopero e così non saranno imbarcati i due generatori elettrici che la nave voleva caricare. Probabilmente si tenterà di imbarcarli da La Spezia. Analogo rifiuto, in precedenza, c'era stato dal porto di Le Havre, dove la nave avrebbe dovuto caricare ben otto cannoni. 
La Bahri Yanbu era arrivata all'alba in porto. I portuali genovesi e la Cgil hanno proclamato sciopero. Un presidio di pacifisti al varco di ponte Etiopia. I portuali: "Attrezzature e droni al servizio del militare: non vogliamo essere complici delle vittime civili in Yemen, non carichiamo".

Alla protesta lanciata dai lavoratori delle banchine e dalla Cgil in questi giorni hanno aderito molte associazioni pacifiste. E c'è stata l'importante adesione dell'associazionismo cattolico: Acli, Salesiani del Don Bosco solo per fare alcuni dei nomi principali, oltre a Libera, comunità di San Benedetto e tanti altri ancora.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi