Giovedì 13 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 09:28
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Anche volontari pagano prezzo alto, 10 morti Caritas
Il coronavirus non ha risparmiato in questi due mesi neanche i volontari che sono rimasti in prima linea ad aiutare i più fragili. Oggi Caritas Italiana ha reso noto che finora 42, tra volontari e operatori, sono risultati positivi al Covid-19 in 22 Caritas diocesane e in 9 Caritas si sono registrati 10 decessi. Le strutture della Caritas non hanno mai smesso di operare, neanche nei giorni più duri dell'emergenza sanitaria, anche se è cambiata la modalità di erogazione dei servizi per cercare di evitare i contagi. Meno mense e più pasti da asporto, per esempio. Ma le richieste si moltiplicano di giorno in giorno e si conferma, come anticipato nei giorni scorsi, il raddoppio delle persone che per la prima volta si rivolgono ai Centri di ascolto e ai servizi delle Caritas diocesane rispetto al periodo di pre-emergenza. Cresce la richiesta di beni di prima necessità, cibo, viveri e pasti a domicilio, empori solidali, mense, vestiario, ma anche la domanda di aiuti economici per il pagamento delle bollette, degli affitti e delle spese per la gestione della casa. Una situazione dunque molto difficile da gestire e forse anche per questo, una decina di giorni fa, è stato aggredito a Cremona uno storico volontario della Caritas locale. "Siamo allarmati ma intendiamo confermare e continuare il nostro importante impegno" di aiuto, anche se le tensioni "rischiano di aumentare", ammette don Pierluigi Codazzi, direttore della Caritas diocesana. Il Covid-19 ha dunque portato il lutto anche dentro le associazioni di volontariato. La Croce Rossa conta una vittima nel bresciano. Il volontario di Calvisano aveva 49 anni e se ne è andato via a fine marzo, nei giorni dell'escalation della pandemia; aveva 49 anni, e il decorso della malattia era stato rapidissimo. L'uomo era stato stroncato da una crisi respiratoria. Sempre la Croce Rossa aveva comunicato un contagio a Trento, tra i responsabili del servizio ambulanze. Tra le persone che facevano volontariato e che sono rimaste vittime del Conid-19 anche un medico in Valtellina e un sagrestano ad Alzano Lombardo. E per proteggere chi si dedica al volontariato ma è fragile a causa della sua età in queste settimane sono scesi in campo molti giovani: nel 60% delle strutture Caritas sono aumentati i volontari under-34 rispetto a due mesi fa.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi