Martedì 23 Settembre 2014 - Ultimo aggiornamento 19:47
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Non resta che resistere, parlare e documentare
In tempi di crisi, la sensazione diffusa e condivisa dopo il 3 dicembre - la Giornata Internazionale ed Europea delle Persone con Disabilità - è che la "battaglia sia tutta sulla difensiva", di fronte a un oggettivo e diffuso peggioramento della qualità e della quantità delle misure sin qui garantite - seppure con fatica - alle persone con disabilità e alle loro famiglie. E di fronte anche ai timori di una nuova sanitarizzazione della disabilità, non resta appunto che resistere, parlare e documentare, consolidando la rete delle buone piccole prassi che qua e là resistono all'onda della crisi

Fotografia scattata dalla ruota di una carrozzina, che inquadra altre persone in carrozzina
La domanda che mi sorge spontanea è: ma prima della crisi le persone con disabilità in Italia vivevano nel migliore dei mondi possibili? Avevano cioè pieno accesso al lavoro, all’istruzione, ai servizi domiciliari, a progetti di vita indipendente, agli ausili tecnologicamente avanzati, al tempo libero in strutture accessibili a tutti, e così via?
La risposta, ovvia, è no. Prima della crisi si stava faticosamente costruendo una serie di piccole certezze normative - a livello nazionale ma anche a livello regionale - partendo dall’"esplosione" dei princìpi contenuti nella gloriosa Legge Quadro n. 104 del 1992.
Per numerosi anni, attraversando i cambi di governo nazionale e regionale, le associazioni delle persone con disabilità e gli esperti dei singoli temi hanno svolto un assiduo lavoro sui contenuti di riforma e di ammodernamento del Paese. Piccoli passi, uno alla volta, spesso poco noti al grande pubblico, tranne quando si trattava di usufruire dei vantaggi faticosamente conquistati.
Penso ad esempio alle poche agevolazioni fiscali che tuttora esistono e che consentono qualche margine di manovra, fra l’altro, nell’acquisto e nell’adattamento di un’autovettura, nella ristrutturazione delle abitazioni, nella scelta di alcuni ausili ancora non contemplati dal Nomenclatore Tariffario. Oppure al consolidamento dell’integrazione scolastica, strappando anno dopo anno qualche piccola miglioria al meccanismo dell’assegnazione degli insegnanti di sostegno, e dei servizi correlati. Oppure anche agli investimenti - modesti ma significativi - nel settore dei trasporti pubblici urbani e ferroviari.

Cito questi piccoli traguardi perché il 3 dicembre scorso - in coincidenza con la Giornata Internazionale ed Europea delle Persone con Disabilità - la sensazione diffusa e condivisa è che la battaglia sia tutta sulla difensiva.
La crisi ha scardinato i bilanci pubblici, i piani di rientro delle Regioni, che ormai hanno in mano per il crescente federalismo il vero potere nel campo dei servizi alle persone e alle famiglie, stanno determinando un oggettivo e diffuso peggioramento della qualità e della quantità delle misure sin qui garantite, sia pure a fatica.
La risposta che mi sembra emergere è quella di una nuova sanitarizzazione della disabilità. Accertamenti restrittivi delle certificazioni di invalidità, finanziamenti prevalenti a centri come le RSA e le RSD, ossia residenze protette e inevitabilmente emarginanti, utilizzando perfino la leggina sulla vita indipendente [Legge 162/98, N.d.R.], che diceva tutt'altro. Sembra essersi arenata la spinta verso una più equilibrata suddivisione della spesa pubblica e privata fra sociale e sanitario. Anzi, i servizi sociali, non essendo considerati essenziali, come quelli strettamente legati alla salute (che però non sono sicuramente specifici delle persone con disabilità, ma riguardano tutti i cittadini in quanto pazienti), stanno subendo contrazioni e contrattazioni (partecipazione alla spesa sempre più onerosa) che spesso mettono in difficoltà le famiglie.

Tutti dicono che la famiglia è al centro dell’attenzione politica. Ma quello che arriva dalle famiglie delle persone con disabilità è di segno opposto. C’è rabbia, paura, delusione, inquietudine. Specialmente quando ci si riferisce alle situazioni di grave handicap, che richiedono interventi mirati e competenti, non soluzioni precarie e con il contagocce. Un’ora di assistenza domiciliare non serve a nulla, tanto per capirsi. Specie se scopriamo che in un anno sono stati spesi 8 miliardi per le badanti destinate ad accudire anziani non autosufficienti.
L'impoverimento delle famiglie è stato dunque il vero tema di questo 3 dicembre. Un impoverimento anche morale, perché senza speranza di miglioramento si vive male, ci si sente abbandonati. E la mia sensazione è che manchi, davvero in modo troppo evidente, un impegno coordinato, una visione, una presa in carico politica, del tema Disabilità. Non solo perché non c’è un ministro competente per davvero (non me ne voglia Sacconi, ma è così), ma anche perché mi sembra del tutto scomparso un coordinamento delle politiche strutturali.

Occorre, a mio giudizio, ripensare e rileggere la Legge Quadro, trarre nuovo slancio riformatore dalle tante incompiute che stanno rendendo difficile la vita di milioni di persone. Il mondo delle persone con disabilità ha fatto ben poco ricorso alla Magistratura per vedere tutelati i propri diritti, nonostante esista una legge precisa contro la discriminazione. La Magistratura, da parte sua, molto raramente ha dimostrato competenza e spirito di iniziativa, pur in presenza di evidenti inadempienze, se non di palesi decisioni, che danneggiano di fatto le famiglie e le persone disabili. Il mondo dei media ha esplorato poco e male questo malessere, diffuso in tutto il territorio nazionale, anche nelle Regioni tradizionalmente forti nelle politiche di welfare.
I cittadini con disabilità assistono con preoccupazione e sicuramente non hanno voglia di festeggiare alcunché. Eppure questo è l’anno nel quale è stata ratificata la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. Alla manifestazione** del Teatro Valle di Roma di FAND (Federazione delle Associazioni Nazionali tra i Disabili) e FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap) si è parlato con forza di questi e di altri temi, cercando una nuova interlocuzione con il governo e con il mondo della politica. Ma è facile immaginare in quale considerazione saranno tenuti questi temi in un momento nel quale ben altre nubi si addensano sui colli romani.

Non resta perciò che resistere, e parlare, e documentare, e consolidare la rete delle buone piccole prassi che qua e là resistono all'onda della crisi.

*Testo apparso anche in «FrancaMente», il blog senza barriere di Vita.blog, con il titolo: 3 dicembre, più lotta che festa.
**Sulla manifestazione di Roma del 3 dicembre, segnaliamo - sempre nel nostro sito - il testo intitolato
I nostri diritti umani vengono violati ogni giorno: è ora di gridarlo forte a tutti!, disponibile cliccando qui.

Unione Inquilini