Mercoledì 27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento 09:37
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Subito un piano infanzia con dentro i diritti, non discriminazione, inclusione sociale e interculturalità
Le organizzazioni promotrici  del documento 'Batti il cinque!' - Agesci, Arciragazzi, CGIL, Cnca Cnoas, Save The Children Italia, Sunas, Unicef Italia – si sono riunite oggi a Roma, presso la sede dell'UNICEF, per chiedere al Governo precisi impegni circa l'adozione del piano infanzia.

Durante l'incontro è state ribadita l'assoluta necessità di provvedere al più presto l'adozione del Piano Nazionale d'Azione sull'Infanzia e l'Adolescenza, come previsto dalla legge 451/97. Un piano che deve essere strutturato, come hanno sottolineato gli interventi,  valorizzando la bozza predisposta dall'osservatorio nazionale sull'Infanzia e l'Adolescenza, le proposte delle associazioni che operano nel settore e nel rispetto dei tempi annunciati dal Governo durante la Conferenza di Napoli.

I sostenitori del documento, spiega Giovanna Zunino, Responsabile Politiche per l'Infanzia della CGIL Nazionale, rivendicano un Piano per l'Infanzia “con al proprio interno i punti ribaditi oggi: diritti, non discriminazione, inclusione sociale e interculturalità”. “In un paese dove tutto è emergenza - conclude la dirigente sindacale – voglimo che pure il piano infanzia sia un emergenza e non più solo priorità”.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi