Martedì 10 Dicembre 2019 - Ultimo aggiornamento 22:18
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


De Cesaris: "L'Unione Inquilini parteciperà al No Monti Day perché c'è una connessione fortissima tra crisi e sofferenza abitativa"
Alla vigilia del No Monti Day l'Unione Inquilini, che da ieri ha avviato il mese di mobilitazione nazionale "Abbassare gli affitti per fermare gli sfratti", non si tira indietro neanche dalla manifestazione contro il governo Monti e le politiche di austerità che stanno mettendo in ginocchio gli italiani.

Ad avvalorare la presenza nella giornata di domani del sindacato del diritto alla casa, sono le stesse dichiarazioni di Walter De Cesaris, Segretario Nazionale, rilasciate ieri in un'intervista, laddove chiarisce che la legge di stabilità, così com'è, non affronta i temi della sofferenza abitativa.

"L'Unione Inquilini partecipa sabato 27 ottobre al No Monti Day - dichiara Walter De Cesaris, Segrtetario Nazonale dell'Unione Inquilini - perché c'è una connessione fortissima tra crisi e sofferenza abitativa. Basta vedere il dato degli sfratti in Italia, cresciuto da circa 40.000 sfratti l'anno prima dello scoppio della crisi ad oltre 65.000 oggi, di cui il 90% per morosità. Le politiche del governo Monti - aggiunge - sono state in piena continuità con quelle di Berlusconi anche sulla questione casa: tagli alle prestazioni sociali, dismissioni, interventi a favore della rendita immobiliare speculativa. Partecipiamo al No Monti Day - conclude - perché pensiamo che le lotte debbano connettersi e che la ripresa di un forte movimento antiliberista sia fondamentale anche per affrotnare tematiche concretissime quali quelle della casa e della città come bene comune".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi