Giovedì 17 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento 08:30
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Case popolari. Dopo il presidio all'Ater prossima tappa in Regione. Servono i 45 milioni per la manutenzione degli stabili
Sulle case popolari continua la protesta per i mancati finanziamenti all'Ater da parte delle Regione.
Una delegazione degli inquilini delle case popolari questa mattina si è recata davanti alla sede Ater Roma per ricordare che in Regione giacciono ben 45.000.000 di euro destinati alla manutenzione degli stessi stabili popolari. 

Somma cospicua oggi, tuttavia, bloccata. Come abbiamo infatti già reso noto per questi euro "fermi" da una parte è lecito prenderesela con la Regione che non manda i finanziamenti, dall'altra "il mea culpa" dovrebbe essere dello stesso Ater - Azienda Territoriale di Edilizia Pubblica. E' l'azienda stessa infatti a non aver presentato alla Regione alcun progetto per ricevere la somma di cui sopra. Un comportamento intollerabile questo dell'Ater di cui a patirne sono gli inquilini delle case popolari e che è stato un'ulteriore motivazione del presidio di stamattina.

L'Ater mentre non fa nulla per avere questi soldi si è però preoccupata di nominare un direttore generale che non conosce le case popolari. Non si tratta dunque né di un tecnico né di un professionista. Ma è vicino alla Polverini, a chi ha trasformato duqnue  l’ATER in un affare privato da cui spremere soldi e favori in una logica clientelare.

La delegazione di questa mattina continuerà a battersi prossimamente presentandosi direttamente per chiedere di non disperedere questi 45.000.000 di euro.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi