Sabato 23 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento 17:33
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Ferrero: "Il diritto alla casa in questo paese non è garantito, è oggetto di speculazione anche da parte degli enti"
Per gli inquilini degli enti previdenziali la presa in giro continua. Il Governo infatti ha stralciato dal maxiemendamento l'articolo sugli affitti e sulle vendite del patrimonio immobiliare degli Enti previdenziali privatizzati sul quale ha chiesto la fiducia. Ne abbiamo parlato ieri in modo approfondito.

Oggi nel primo pomeriggio un corteo di inquilini si è spostato a via del Plebiscito proprio per protestare: le case degli Enti Previdenziali sono soggette a dismissioni e la manifestazione di oggi è nata per contestare in modo forte il voto contrario dei senatori del PDL alla vendita o alla locazione agli inquilini che avrebbero avuto i requisiti, ovverosia famiglie, anziani, single a basso reddito e in comprovata difficoltà finanziaria, a prezzi sostenibili.

"Appoggiamo pienamente la protesta degli inquilini delle case degli enti previdenziali che hanno manifestato oggi contro i senatori del Pdl che hanno bocciato la possibilità di vendere o affittare le case a prezzi equi alle persone più in difficoltà - ha dichiarato Paolo Ferrero, Segretario Nazionale dell'Unione Inquilini. - Il diritto alla casa in questo Paese non è garantito, anzi spesso proprio la casa è oggetto di speculazioni inaudite anche da parte degli enti che invece dovrebbero tutelare i più deboli".

Accanto alla questione degli Enti continua il problema dell'emergenza abitativa legato alla questione degli sfratti. I sindacati del diritto all'abitare in merito sono attivi con una campagna che chiede l'abbassamento degli affitti per bloccare gli sfratti.

"Rifondazione comunista - aggiunge Paolo Ferrero - propone l’immediato blocco degli sfratti e la requisizione degli alloggi sfitti. Lo Stato deve incrementare e gestire il patrimonio pubblico degli immobili per affittare le case a prezzi calmierati alle fasce più deboli".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi