Sabato 23 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento 15:04
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Per avere un reddito italiani rinunciano alla privacy. E' boom delle stanze in affitto
Gli italiani tentano strade alternative per fare cassa e cominciano anche a rinunciare alla loro "privacy" casalinga.

Un'indagina realizzata da Immobiliare.it, infatti, dimostra che il numero di famiglie che scelgono di affittare una parte della casa in cui vivono è aumentato, solo nell'ultimo anno e del 14%. Questo conferma un interesse in aumento: +26,5% negli ultimi 24 mesi.

Per assicurarsi dunque un reddito mensile che, varia a seconda delle città dai 170 fino a oltre 500 euro, si condivide la propria abitazione con estranei. Certo, si preferiscono i lavoratori con settimana corta, meno "invadenti" di un soggetto presente in pianta stabile.

Altro fatto che fa aumntare la formula della coabitazione è che - si stima - in oltre il 50% dei casi i contratti non sono registrati e questo permette la massima flessibilità tra le parti.

"L'affitto sta cambiando profondamente - spiega Carlo Giordano, amministratore delegato di Immobiliare.it - e se prima veniva
messo in locazione l'intero appartamento, da dividere magari tra più studenti o lavoratori, oggi il 26% delle offerte di affitto è rappresentato da singole stanze all'interno dell'abitazione del proprietario".

L'offerta in aumento è un volano per la crescita della domanda che, secondo le rilevazioni di Immobiliare.it, nel corso del 2012 è raddoppiata, passando dal 9% al 18%. In particolare, per la prima volta in assoluto i lavoratori superano gli studenti nella richiesta di affitto condiviso (58% contro 42%).

"Il fenomeno degli affitti parziali - continua Giordano - non si limita solo al mercato residenziale, ma è anzi ancora più marcato
nel settore degli uffici: nell'ultimo anno l'offerta di stanze di uffici a terzi è più che raddoppiata". A concedere in locazione stanze ad uso ufficio sono soprattutto imprenditori o piccole società che, per ragioni diverse (ma nel 56% dei casi per riduzione del personale), ritengono di avere spazi disponibili all'interno dei loro immobili operativi e li offrono ad altri imprenditori o freelance.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi