Venerdì 18 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento 08:30
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Casa, crolla il mercato del 23,1%

Il mercato del "mattone" per la compravendita di immobili secondo i dati forniti dall'Istat nel terzo trimestre del 2012 cala del 23,1% a quota 134.984.

Un dato già aggiornato dall'Osservatorio dell'Agenzia delle Entrate. A marzo infatti ha rilevato un calo - relativo all'ultimo trimestre dell'anno - pari al 25,8% riportando in questo modo lo stesso mercato ai livelli del 1985.

Nel terzo trimestre del 2012 valutando le cinque ripartizioni geografiche va precisato che presentano variazioni negative per ogni tipologia di utilizzo.

Per le convenzioni che riguardano la stipulazione per l'uso abitativo il calo più evidente si registra al Nord-est ed è paria al -25,7%, a seguire c'è il Nord-ovest con -24,5%) e il Centro con -23,5%). Le Isole -22% e il Sud -16,9% mostrano invece variazioni tendenziali negative che risultano inferiori alla media nazionale, -23%.

Le convenzioni per compravendite di unità immobiliari a uso economico segnano invece il calo tendenziale più  evidente nelle Isole (-31,9%) e nel Nord-ovest (-29%) (-25,7% la media nazionale).

Meno pesante la diminuzione nel Sud (-23,7%), nel Nord-est (-23,6%) e nel Centro (-21,5%).

Per i mutui siamo in caduta libera nei primi nove mesi dell'anno trascorso.

Le concessioni di ipoteche immobiliari a garanzia di mutui, finanziamenti e altre obbligazioni verso banche e soggetti diversi dalle banche registrano una perdita annua del 39,5%.

Il calo è perticolarmente accentuato nelle isole (-50,6%) e al Sud (-42,8%).
Secondo Mutui.it negli ultimi 6 mesi è stato respinto il 95% delle richieste di accensione mutui.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi