Venerdì 24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 12:20
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
"Paghetta settimanale"? I giovani sopravvivono grazie ai soldi di mamma e papà
Sulla questione lavoro l'indagine presenata dalla Coldiretti non solo dimostra quanto i giovani spcchiosi pur di lavorare siano disposti a "dimenticare" anni di sacrifici, studio e titoli guadagnati, ma un quarantenne su quatttro oggi ancora vive  grazie alla "paghetta" dei genitori che continuanano ad aiutare i giovani italiani economicamente e fino a età avanzata.

Il 28% dei giovani tra i 35 ed i 40 anni dunque sopravvive grazie ai soldi di mamma e papà ma insieme a loro anche il 43% di quelli tra 25 e 34 anni e a chiudere l'89% dei giovani con eta' tra 18 e 24 anni.

"Da segnalare che - sottolinea la Coldiretti - l'aiuto economico dei genitori continua anche per piu' di un giovane occupato su quattro (27%) che non e' comunque in grado di rinunciare al supporto finanziario dai familiari. "La famiglia e' diventata una rete di protezione sociale determinante che opera come fornitore di servizi e tutele per i membri che ne hanno bisogno", ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che "la struttura della famiglia italiana in generale, e di quella agricola in particolare, considerata in passato superata, si e' invece dimostrata, nei fatti, fondamentale per non far sprofondare nelle difficolta' della crisi moltissimi cittadini".
A conferma di questo è il fatto che il 51% dei giovani vive ancora con i propri genitori e solo il 13% di questa percenuale per scelta, mentre il 38 perche' non puo' proprio permettersi un alloggio proprio.

E' il 26% tra i 35-40 anni ad abitare  con mamma e papa', il 48% di quelli di quelli tra 25 e 34 anni e l'89% dei giovani con eta' tra i 18 e i 24 anni.

Per i giovani agricoltori è differente: il 32% vive con i genitori perche' non possono permettersi un alloggio alternativo, ma nel 31% dei casi e' una scelta che conferma i forti legami famigliari che caratterizzano l'impresa agricola.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi