Martedì 21 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 11:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Così Big Pharma vuole archiviare Mandela

Sudafrica. Dagli Usa una campagna contro la riforma della proprietà intellettuale e l’accesso ai farmaci essenziali. 17 anni dopo il «Medicines Act» voluto da Madiba, riesplode la guerra tra leggi di mercato e diritto alla salute. Una iniziativa-spauracchio in vista del voto sudafricano. E c’è già chi parla di «genocidio»

31est1sud-africa-aids

È la sto­ria che si ripete. La ten­sione che ritorna, astiosa, tra diritto alla salute e regole del com­mer­cio. Nel tempo ha assunto i con­torni di una guerra, e di una guerra senza tregua.

Cor­reva l’anno 2000 quando la comu­nità inter­na­zio­nale riu­nita a Gine­vra nella sala del con­si­glio ese­cu­tivo dell’Organizzazione Mon­diale della Sanità (Oms), la stessa in cui la scorsa set­ti­mana si è con­vo­cata una por­zione non irri­le­vante di paesi, pren­deva posi­zione a soste­gno del Suda­frica di Nel­son Man­dela. Una brutta sto­ria, allora. 139 case far­ma­ceu­ti­che si erano aggre­gate in un mici­diale car­tello per sfi­dare in tri­bu­nale il governo suda­fri­cano impu­gnando il Medi­ci­nes Act del 1997, la legge con cui il paese pun­tava ad assi­cu­rare mag­giore accesso ai medi­ci­nali sal­va­vita, così da con­trol­lare gli effetti deva­stanti delle emer­genze sani­ta­rie che fal­ci­dia­vano migliaia di pazienti. In quel momento il Suda­frica era, con Swa­zi­land e Botswana, la nazione con la più alta pre­va­lenza di Hiv/Aids e tuber­co­losi al mondo. Il Medi­ci­nes Act , pio­nie­ri­sti­ca­mente, dava piena attua­zione alle clau­sole di sal­va­guar­dia con­te­nute nell’accordo «Trips» sulla pro­prietà intel­let­tuale (i bre­vetti), adot­tate solo due anni prima dall’Organizzazione del Com­mer­cio a par­ziale difesa di alcuni fon­da­men­tali diritti umani, salute inclusa. Il costo di mer­cato di una tera­pia anti­re­tro­vi­rale, nel 2000, si aggi­rava intorno ai 10.400 dol­lari all’anno per paziente.

Da quella prima con­tro­ver­sia legale fra diritto alla salute e pro­fitto, tra por­ta­tori degli inte­ressi col­let­tivi e tito­lari di inte­ressi pri­vati, il movi­mento glo­bale per l’accesso ai far­maci essen­ziali prese il via, nel 1999, a Seat­tle. Solo alla fine del 2001 il car­tello delle indu­strie, sotto pres­sione inter­na­zio­nale e della Corte Suprema suda­fri­cana, bat­terà in ritirata.

Ma quin­dici anni dopo ci risiamo. Nel set­tem­bre 2013, il mini­stero del Com­mer­cio suda­fri­cano ha aperto una con­sul­ta­zione pub­blica su un dise­gno di legge con­te­nente nuove norme in mate­ria di pro­prietà intel­let­tuale. La pro­po­sta legi­sla­tiva include un’ampia gamma di clau­sole in linea con il qua­dro nor­ma­tivo inter­na­zio­nale (accordo «Trips») volte a evi­tare ciò che in ter­mini tec­nici va sotto il nome di fri­vo­lous paten­ting, la bre­vet­ta­zione di pro­cessi o pro­dotti che inno­va­tivi non sono. Tra que­ste tro­viamo la pos­si­bi­lità di impu­gnare un’applicazione bre­vet­tuale prima o dopo il suo esame ( pre-grant e post-grant patent oppo­si­tion ); alti stan­dard di bre­vet­ta­bi­lità per pre­miare l’innovazione e limi­tare il pro­lun­ga­mento dei lun­ghi mono­poli bre­vet­tuali ( ever­gree­ning ); limi­ta­zione del bre­vetto a un mas­simo di 20 anni, senza ecce­zione; no all’esclusività dei dati cli­nici; la sem­pli­fi­ca­zione dei mec­ca­ni­smi di impor­ta­zione paral­lela e licenza obbli­ga­to­ria per ovviare ad even­tuali abusi di posi­zione domi­nante. Infine, un mec­ca­ni­smo di cau­tela per scon­giu­rare il coin­vol­gi­mento del Suda­frica in qua­lun­que accordo com­mer­ciale bila­te­rale che limiti la sovra­nità nazio­nale (la Ue preme per un accordo bila­te­rale con Angola, Botswana, Leso­tho, Mozam­bico, Nami­bia, Swa­zi­land e Suda­frica, come Sou­thern Afri­can Deve­lo­p­ment Com­mu­nity, Sadc).

L’industria far­ma­ceu­tica non si è fatta atten­dere, con una stra­te­gia di dera­glia­mento del piano di governo che il mini­stro della Salute suda­fri­cano, Aaron Motsoa­ledi, non ha esi­tato a defi­nire «geno­ci­dio». Le prime avvi­sa­glie sono emerse dalla stampa suda­fri­cana , l’autorevole Mail & Guar­dian, il 17 gen­naio. A cui si sono aggiunti i det­ta­gli di un docu­mento fatto per­ve­nire all’americana Kno­w­ledge Eco­logy Inter­na­tio­nal (Kei), oggi di domi­nio pub­blico, in cui si descrive come la far­min­du­stria suda­fri­cana (Inno­va­tive Phar­ma­ceu­ti­cal Asso­cia­tion of South Africa, Ipasa) e l’omologa ame­ri­cana PhRMA (Phar­ma­ceu­ti­cal Resear­chers & Manu­fac­tu­rers of Ame­rica) abbiano com­mis­sio­nato a un’agenzia di con­su­lenza «di alto cali­bro» con sede negli Usa, la Public Affairs Enga­ge­ment (Pae) il com­pito di sov­ver­tire il per­corso del dise­gno di legge. Il piano con­si­ste in un inve­sti­mento di 600.000 dol­lari (ripar­titi fra far­ma­ceu­ti­che ame­ri­cane e suda­fri­cane) per una cam­pa­gna volta a «mobi­li­tare le voci nazio­nali e inter­na­zio­nali» in un unico mes­sag­gio: la riforma della pro­prietà intel­let­tuale è una svolta peri­co­losa per la più grande eco­no­mia dell’Africa. L’iniziativa spau­rac­chio, breve ed «ener­gica», è stata con­ge­gnata in pre­vi­sione della cam­pa­gna poli­tica per le ele­zioni in Suda­frica, con l’intento appunto di ritar­dare l’approvazione del dise­gno di legge almeno fino a dopo il voto, pre­vi­sto a mag­gio. La cor­ri­spon­denza fra Ipasa e PhRMA, sostiene il prof. Brook Baker della asso­cia­zione Health Gap, con­ferma che sotto l’accattivante titolo di For­ward South Africa , la cam­pa­gna pilo­tata oltreo­ceano da un ex fun­zio­na­rio del governo ame­ri­cano, uomini dell’imprenditoria e del mondo acca­de­mico, garan­ti­sce un rigo­roso con­trollo dagli Stati Uniti delle atti­vità di ricerca e di comu­ni­ca­zione sulla riforma sudafricana.

Non poca fibril­la­zione ha susci­tato la vicenda tra i governi e le ong nella set­ti­mana scorsa, durante il con­si­glio ese­cu­tivo dell’Oms, ed è ine­vi­ta­bil­mente scop­piata in mar­gine al dibat­tito sull’accesso ai far­maci essen­ziali. Pren­dendo la parola, la diret­tora del mini­stero della Salute suda­fri­cano Pre­cious Matsoso, ex coor­di­na­trice del dipar­ti­mento dell’Oms su Salute Pub­blica, Inno­va­zione e Pro­prietà Intel­let­tuale, ha ricor­dato emo­zio­nata gli attac­chi senza scru­poli di Big Pharma negli anni pas­sati, in un Suda­frica deva­stato, con­tro la legge di Man­dela. Spie­gando le ragioni della riforma, che si ispira ai modelli bre­vet­tuali di molti paesi del nord, oltre che al Bra­sile e all’India, Matsoso ha ribat­tuto che «la nuova poli­tica sui bre­vetti intende moder­niz­zare il Suda­frica e alli­neare il paese alle norme inter­na­zio­nali, fis­sando un esem­pio per gli altri paesi afri­cani impe­gnati nella riforma del regime bre­vet­tuale». Ed è pro­ba­bil­mente que­sto il pre­ce­dente da evi­tare, l’esempio per gli altri. «Il Suda­frica bre­vetta cie­ca­mente senza esa­mi­nare la qua­lità dei pro­dotti indu­striali, e som­mi­ni­stra più bre­vetti nel campo far­ma­ceu­tico di Stati Uniti e Europa» ha detto Matsoso; «Per que­sto i far­maci gene­rici nel mio paese sono dispo­ni­bili solo con­tro l’Hiv/Aids. Per il far­maco anti­tu­mo­rale Ima­ti­nib, il Suda­frica paga 35 volte di più dei paesi in cui la con­cor­renza dei far­maci equi­va­lenti è un dato di mer­cato acquisito».

Un applauso col­let­tivo ha fatto seguito alle sue parole, forti della lega­lità inter­na­zio­nale. In ple­na­ria, però, solo i paesi del sud glo­bale hanno soste­nuto Pre­to­ria aper­ta­mente, pronti ad appog­giare ini­zia­tive con­tro l’indebita influenza del set­tore pri­vato nelle poli­ti­che di un governo sovrano. Mar­ga­ret Chan non ha voluto pren­dere posi­zione con­tro Big Pharma aper­ta­mente, limi­tan­dosi al gene­rico com­mento che «nes­sun governo dovrebbe essere inti­mi­dito dai por­ta­tori di inte­ressi per il fatto di fare la cosa giu­sta in salute».

Silen­zio assor­dante, invece, da tutti i paesi indu­stria­liz­zati. Dopo 15 anni di dibat­titi, ini­zia­tive, nego­ziati, si stanno pre­pa­rando alla guerra che deve venire. Quella che riguarda l’accesso ai far­maci per le malat­tie cro­ni­che, ori­gi­na­ria­mente tipi­che dei paesi ric­chi, ma oggi ormai pre­va­lenti anche nei paesi a basso red­dito. Se è stato fin qui duris­simo garan­tire le tera­pie con­tro le pan­de­mie della povertà, che ne sarà della lotta per acce­dere ai medi­ci­nali del mer­cato dei ric­chi? La sto­ria, nei pros­simi anni, potrebbe mar­ciare a ritroso.

(Nicoletta Dentico è Pre­si­dente Osser­va­to­rio sulla Salute Globale)

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi